22 Luglio 2015

Caos metro e bus “Un mese d’ inferno lunedì no sciopero”

Caos metro e bus “Un mese d’ inferno lunedì no sciopero”
il diktat dell’ authority: “viaggiatori stremati” partite 50 lettere ai macchinisti per i disagi.

LA GIOR NA TA «SEGUE DALLA PRIMA DI CRONACA MAURO FAVALE E in questo senso, ad abbassare la tensione non è servita nemmeno la firma sotto l’ accordo quadro che l’ azienda ha messo insieme ai sindacati confederali la scorsa settimana. Segno di un sommovimento interno all’ Atac che non sempre le parti sociali riescono a tenere a bada. «Ci scusiamo coi cittadini», dice Gianluca Donati della Fit Cisl, che definisce «epocale» l’ accordo firmato con la municipalizzata: «Offre certezze ai lavoratori sulla retribuzione e all’ azienda per poter garantire un servizio più efficiente in vista del giubileo». I disagi in corso, insomma, sono per Donati «un momento di assestamento». Di «miglioramenti» parla anche Atac che, in ogni caso, ha deciso comunque di far partire una cinquantina di lettere di contestazione nei confronti di altrettanti macchinisti: si va dal “rifiuto dei treni”, al rifiuto degli straordinari, alle mancate timbrature. Atac non parla mai di «sciopero bianco» come non ne parlano nemmeno i sindacati. «Quando si sciopera lo si fa nelle regole», è la posizione di Alessandro Capitani, Cgil. «La verità è che questa è un’ azienda che si basa sullo sforzo del 40% dei macchinisti per garantire, in straordinario, il servizio. È il risultato di anni di politiche sbagliate, a cominciare dalle assunzioni fuori controllo in epoca Alemanno ». Contrari a quell’ accordo sono invece gli iscritti a Ugl, il sindacato che insieme all’ Orsa, ha convocato lo sciopero di lunedì: «Non ci piace perché è un accordo che toglie i soldi a chi si ammala, che in determinate circostanze e con precisi parametri vedrà ridursi la sua retribuzione», spiega Valentina Iori degli autoferrotramvieri di Ugl. Oggi, insieme alle altre sigle pronte alla mobilitazione il 27 luglio, verrà ricevuta dal prefetto Gabrielli che ieri ha ricevuto la richiesta di precettazone dalla commissione scioperi e sta valutando sul da farsi. In questo clima c’ è anche il Codacons che invita Atac a «licenziare in tronco» i lavoratori che aderiranno allo sciopero di lunedì. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox