8 Luglio 2008

Cani, basta liste nere. Ma il Codacons attacca

Fa discutere la proposta del sottosegretario alla Salute, Francesca Martini “Cani, basta liste nere“ Ma il Codacons attacca Il sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, oggi alle 11, all`auditorium del ministero di lungotevere Ripa,1 presenterà alla stampa la campagna di comunicazione ministeriale contro l`abbandono dei cani. Alla conferenza sarà presente anche Oliviero Toscani, che ha curato la parte creativa della campagna. L`onorevole veronese, quindi, conferma il suo interessamento nei confronti degli animali, dei cani in particolare. È di pochi giorni fa, infatti, una sua proposta che sta scatenando parecchie reazioni: la cancellazione della black list, la lista nera, dei cani aggressivi e mordaci. La posizione del sottosegretario Martini – che possiede un cane – è chiara: “Nessun cane è geneticamente pericoloso, mentre i fattori ambientali sono determinanti per stimolarne una eventuale aggressività. Anche un barboncino può mordere, se viene educato a farlo“. Da qui la decisione “di seguiremo il modello francese: nessuna lista di cani pericolosi sarà più attiva nel nostro Paese“, ha chiarito Martini, “punteremo, invece, sull`educazione e sulla formazione dei proprietari per l`ottimale detenzione degli animali e lavoreremo a stretto contatto con tutti i centri di addestramento affinchè sia abolita qualsiasi metodica che stimoli l`aggressività“. Martini ha poi espresso la sue critiche nei confronti del disegno di legge sui cani pericolosi presentato dal senatore Andrea Fluttero (Pdl). Il ddl prevede il divieto di allevamento, produzione, importazione, vendita e acquisto di razze canine considerate come pericolose e anche l`obbligo per chi possiede già queste razze di sterilizzare l`animale e chiedere autorizzazione per la sua detenzione alla questura. La proposta di abolire la lista nera dei cani pericolosi ha scatenato un vero canaio. Il Codacons, in particolare, dice “no all`eliminazione demagogica dell`ordinanza Sirchia“, che ha introdotto la lista dei cani pericolosi, e ne chiede anzi un allargamento. Secondo il Codacons “il governo“, si legge in una nota, “cade nella trappola degli animalisti estremisti“. In particolare l`associazione dei consumatori riporta un dato allarmante: “Ogni anno, in Italia, si verificano 70.000 morsicature, pari a 191 al giorno, per parlare solo di quelle ferite che hanno richiesto un intervento da parte di autorità sanitarie varie“. Ecco perchè il Codacons chiede di estendere l`ordinanza Sirchia (ora Turco) a cani docili ma potenti (e potenzialmente pericolosi) come i mastini, inserendo nell`elenco anche il Dogue De Bordeaux, il Dobermann, l`American Staffordshire terrier e il Mastino napoletano.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox