21 Dicembre 2016

Campidoglio, Anac: conflitto di interessi per nomina fratello Marra. Raggi sapeva

    Campidoglio, Anac: conflitto di interessi per nomina fratello Marra. Raggi sapeva
    Lʼex capo di Gabinetto della Raggi ha messo il fratello Renato a capo del Dipertimento Turismo: e il sindaco ne era a conoscenza

    L’Anac ritiene configurabile il conflitto di interessi per Raffaele Marra che, quando era direttore del dipartimento Organizzazione e Risorse umane di Roma Capitale, ha nominato il fratello Renato a capo della direzione Turismo. “Tale situazione – scrive l’Autorità – sussiste sia nel caso in cui il dirigente abbia svolto un mero ruolo formale nella procedura sia nell’eventualità di una sua partecipazione diretta”. Gli atti già trasmessi in Procura.

    A tal proposito, l’Autorità Nazionale Anticorruzione in un comunicato ha fatto sapere che “a seguito di un esposto della Direr, l’Anac ha svolto attività di vigilanza su un possibile conflitto di interessi del dott. Raffaele Marra” per cui è stata richiesta “al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (Rpct) di Roma Capitale una relazione che ripercorresse l’iter seguito nell’interpello”. A seguito della quale, appunto, è stato riscontrato come configurabile il conflitto di interessi.

    Le “contraddizioni” di Virginia Raggi – Sulla vicenda dell’incarico affidato a Renato Marra, fratello di Raffaele, capo del personale del Comune di Roma, il sindaco della Capitale Virginia Raggi ha dichiarato di aver compiuto da sola e in totale autonomia l’istruttoria sul conferiemento degli incarichi dirigenziali. Ma nell’ordinanza con cui è stato conferito l’incarico si fa chiaro riferimento “all’istruttoria svolta dalle strutture competenti ai sensi della dischiplina vigente”. E’ proprio questa la “contraddizione”, rilevata nella delibera Anac, relativa al comportamento e alle dichiarazioni del sindaco.

    “Raggi a conoscenza del conflitto di interessi” – Oltretutto, sottolinea la delibera Anac, “la situazione di palese conflitto di interessi era conosciuta dalla Sindaca” che la dichiarò ma tale dichiarazione, sempre secondo l’Anac, “non è sufficiente per rimuovere il conflitto”. E prorpio perché consapevole del conflitto, il primo cittadino di Roma avrebbe dovuto”esonerare il Dott. Marra da ogni partecipazione, anche se solo meramente pedissequa, all’atto di nomina del fratello Renato”. In tal senso l’Anac ricorda  che per legge “l’organo che viene a conoscenza, attraverso la dichiarazione o in altro modo, della situazione di conflitto di interessi, disponga ogni misura volta ad evitare ogni partecipazione del funzionario a procedimenti nei quali egli possa trovarsi in una tale situazione”.

    La posizione di dirigente di Marra “anomala” – Al vaglio dell’Atac, oltre alla situazione di conflitto di interessi, c’è anche la posizione di dirigente di Raffaele Marra: l’autorità ha deciso di investire del caso la Corte dei Conti per quanto riguarda le “anomalie segnalate” riguardanti il suo inquadramento nel Comune di Roma.

    Codacons: “Il Comune annulli tutti gli atti” – Il conflitto di interessi segnalato dall’Anac arriva dopo l’esposto presentato il 14 novembre dal Codacons come spiegato in una nota dalla stessa associazione dei consumatori e con cui si “chiedeva “sia all’Autorità guidata da Cantone, sia alla procura della Repubblica di Roma, di indagare su presunti profili di illegittimità che contemplano non solo la violazione del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici ma anche responsabilità penalmente rilevanti, quali il reato di abuso d’ufficio ex articolo 323 del Codice penale”. Intanto il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, chiede l’annullamento di tutti gli atti firmati dai fratelli Raffaele e Renato Marra nell’ambito dei rispettivi ruoli svolti in Campidoglio “nell’interesse dei cittadini”.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox