8 Febbraio 2011

Campi rom, l´accusa di Vaticano e Ue “Bimbi nomadi uccisi dalla negligenza”

Campi rom, l´accusa di Vaticano e Ue "Bimbi nomadi uccisi dalla negligenza"
 

 Reprimenda anche dal cardinale vicario di Roma Agostino Vallini, che chiede al sindaco «condizioni di vita dignitose e sicure per i nomadi e il loro graduale inserimento», fino a superare i campi. Ma le reazioni addolorate e furiose verso Roma e il Campidoglio non arrivano solo dal Vaticano e dal mondo cattolico. Anche la Ue, per bocca della vicepresidente della Commissione europea Viviane Reding, ripete che «l´integrazione dei rom deve restare in cima alle priorità dell´agenda politica», mentre il vicesegretario generale del consiglio d´Europa Maud de Boer Buquicchio ricorda che «qualche mese fa l´Italia è stata condannata per non aver adeguatamente assicurato il diritto a un alloggio sicuro e adatto per i rom». Ieri mattina, il Codacons ha depositato un esposto in Procura, chiedendo «di verificare eventuali responsabilità del Campidoglio alla luce del possibile concorso in omicidio colposo o concorso in strage, sulla base delle accuse del presidente del IX municipio, Susi Fantino, che ha affermato di aver segnalato molte volte il campo al Comune». «I quattro bambini morti sono l´ennesimo orrore di un´incapacità di accogliere che sta diventando strutturale nelle nostre società», accusa don Armando Zappolini, neopresidente del Coordinamento nazionale comunità di accoglienza. La sezione italiana di Amnesty International ricorda che «è vietato dal diritto internazionale utilizzare gli sgomberi come misura deterrente». Infine il segretario dei Radicali italiani Mario Staderini: «Alemanno tratta il problema dei rom come sporcizia da mettere sotto al tappeto».
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox