5 Gennaio 2006

Campagna Coop in città per i farmaci da banco

Campagna Coop in città per i farmaci da banco

Ma Bernardelli contesta l`iniziativa

Conegliano Fa discutere, anche perché è lo stesso Codacons a contestarla, una campagna lanciata dalla Coop Adriatica. Sta per essere avviata la raccolta di firme per una legge di iniziativa popolare che permetta la vendita dei farmaci OTC (farmaci da banco) e SOP (senza obbligo di prescrizione), al di fuori del circuito farmaceutico. La Coop intende partecipare attivamente alla raccolta delle firme, coinvolgendo in modo capillare la sua base sociale nei propri territori. Lo farà nei suoi punti vendita dal 9 gennaio al 4 febbraio. Il presidente della Coop Adriatica ha così scritto al sindaco Floriano Zambon una lettera, che si conclude con un invito: “Confidiamo nella disponibilità e nel supporto del Comune di Conegliano da lei guidato per garantire ai cittadini il diritto alla partecipazione, facilitando la presenza di consiglieri per l`autentica delle firme e la certificazione delle stesse“. Ad uscire allo scoperto è Giovanni Bernardelli, capogruppo della Lega Nord, chiedendo al sindaco di non favorire in alcun modo l`iniziativa. Condividendo una netta presa di posizione del Codacons e le dichiarazioni del garante per la concorrenza e il mercato, egli sottolinea che “la legge che consente di vendere i farmaci nei supermarket esiste già e quindi non serve una legge di iniziativa popolare come quella presentata dalla Coop“. Egli ricorda che “la legge è quella relativa alla disciplina-liberalizzazione del commercio che permette di commercializzare prodotti farmaceutici OTC anche al di fuori delle farmacie, sempre previa presenza di un farmacista“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this