26 Giugno 2019

Camanzi: tariffe, con la riforma si superano sei sistemi diversi

ROMA La relazione annuale, nella Sala della Regina alla Camera, diventa l’ occasione per reclamare la bontà della riforma che rivede il sistema tariffario dei pedaggi autostradali. Il presidente dell’ Autorità di regolazione dei trasporti, Andrea Camanzi, sceglie la circostanza più istituzionale dell’ anno per evidenziare che l’ intervento sulle tariffe non introduce «incertezza regolatoria», tanto meno «modifiche unilaterali dei contratti». Illustrando la relazione Camanzi sottolinea che «la riforma consentirà di superare i sei diversi sistemi tariffari attualmente applicati, conferendo univocità e stabilità regolatoria agli assetti economici delle concessioni autostradali e superando il meccanismo degli aggiornamenti annuali delle tariffe». Le intenzioni dell’ Autorità sono chiare: «far emergere la correlazione tra costi e pedaggi attraverso verifiche dell’ effettiva realizzazione degli investimenti e di ricondurre la redditività delle gestioni a livelli di mercato, senza compromettere la bancabilità dei piani di investimento». Un quadro che se ottiene l’ ennesimo benestare del premier Conte, alimenta d’ altra parte la contrarietà di Aiscat e del presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia. L’ associazione dei concessionari ritiene illegittimo l’ intervento sul sistema tariffario e chiede di essere convocata dal governo. A protestare domandando un incontro all’ esecutivo è anche il Codacons.
andrea ducci

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox