21 Settembre 2019

Call center inutili Meglio un reclamo via raccomandata

«I CALL center dei gestori di gas ed energia elettrica non funzionano e forniscono indicazioni sbagliate, inducendo nei consumatori comportamenti scorretti. E’ questo il vero problema». Così Silvia Bartolini, presidente di Codacons Toscana, a proposito delle bollette ‘pazze’ che hanno ricevuto diversi utenti fiorentini. «Inoltre, i tempi di risposta ai reclami da parte dei gestori sono infiniti», aggiunge la presidente. «Ci vuole fino a un mese e mezzo, se va bene, per ottenere risposta, anche per ottenere solo la copia di un contratto per verificare la firma». «I gestori non si rendono conto – sottolinea Bartolini – che per lavorare devono avere il contatto e la fiducia del cliente». Come può tutelarsi, allora, chi riceve una bolletta pazza? «Il consiglio – risponde la presidente regionale del Codacons – è di non perdere tempo a chiamare i call center. Se si riceve una bolletta con un importo anomalo è bene inviare subito un reclamo via raccomandata a/r o, ancora meglio, rivolgersi ad un’ associazione dei consumatori».

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox