5 Maggio 2006

Calcio. La Figc indaga da tempo sulle intercettazioni telefoniche

La Federcalcio afferma che e` da tempo al lavoro sulla vicenda delle intercettazioni telefoniche passategli dalla Procura di Torino, i cui testi sono pubblicati oggi da alcuni giornali. La pubblicazione degli estratti di alcune conversazioni che la Procura di Torino ha girato per competenza alla Federcalcio non sembra quindi avere provocato scossoni particolari nel palazzo federale di via Allegri. “L`inchiesta – fanno presente dalla Federcalcio – proseguira` con la massima tempestivita`. Naturalmente nella assoluta riservatezza per il doveroso rispetto dell` indagine in corso presso la Procura di Roma, con la quale sara` concordata ogni iniziativa“. La federazione fa anche una precisazione sulla segretaria G.F. La donna secondo alcuni giornali depositaria di molti segreti del mondo arbitrale e` in grado di fare rivelazioni clamorose: “gia` da alcuni mesi non lavora piu` all`Aia, e non si vede piu` in questi uffici“. Intanto nel mondo del calcio, e non solo, si susseguono considerazioni e giudizi riguardo l`intera vicenda. “Mi dispiace molto leggere cose che possono apparire diverse dalla realta`. Forse c`e` stato qualche motivo di inopportunita` in certi discorsi, ma la mia buona fede e` fuori discussione“. E` la verita` di Pierluigi Pairetto, l`ex designatore arbitrale le cui conversazioni con il dg della Juve Luciano Moggi sono state intercettate e messe sotto accusa. Il Codacons e l`Associazione Utenti Sportivi chiedono l`apertura di un`inchiesta sui presunti “errori“ arbitrali in favore della Juventus. Esponenti della classe arbitrale, designatori, oltre che procuratori e calciatori, saranno sentiti dalla procura di Roma come testimoni nell`ambito del filone di indagine sulla Gea, societa` d`intermediazione, apertosi dopo le acquisizioni delle intercettazioni disposte dalla procura di Torino.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox