24 Marzo 2016

Calcio e turismo Paure e psicosi dopo Bruxelles

Calcio e turismo Paure e psicosi dopo Bruxelles

IN VENETO. Psicosi attentati in Veneto, da Venezia a Padova, a seguito del ritrovamento di involucri sospetti. Ma proprio dalla città lagunare arrivano autorevoli inviti a non enfatizzare. Il Comune ed i Musei civici, infatti, precisano che «quanto rinvenuto non è in alcun modo collegato ad oggetti offensivi» ed avvertono che «la pubblicazione di notizie incomplete ed imprecise rischia di generare nell’opinione pubblica inutili preoccupazioni». I musei della città sono luoghi sicuri – viene ribadito – «grazie al lavoro di sorveglianza e intelligence condiviso quotidianamente con le forze dell’ordine e di recente rivisto e potenziato proprio alla luce dello scenario internazionale degli ultimi mesi».

A UDINE. Alle 20.45 il calcio d’inizio della partita Italia-Spagna al nuovo stadio Friuli di Udine, ma la Questura consiglia agli sportivi di presentarsi molto prima perché le misure di sicurezza, dopo gli attentati di Bruxelles, sono state aumentate. Ogni spettatore, all’ingresso, dovrà passare al metal detector ed esibire non solo il biglietto ma anche il documento identificativo. Lo stadio è blindato e la stessa città di Udine, con oltre 200 agenti che garantiscono la sorveglianza ai siti sensibili: alberghi delle due squadre, stazione ferroviaria, uscite autostradali e l’area dell’impianto sportivo, recentemente
inaugurato. Alle 16 l’ultima bonifica. Poliziotti ed unità cinofile passeranno al setaccio ogni angolo, anche il più remoto, della struttura. In cielo un elicottero a sorvegliare. Nel capoluogo friulano la vita scorre, per la verità, tranquilla come tutti i giorni. Grande curiosità per i campioni delle due squadre; l’Italia, peraltro, si è allenata stamani al riparo da occhi indiscreti.

PALERMO. Dopo gli attentati di Bruxelles l’Autorità portuale di Palermo ha predisposto la massima allerta nei controlli della security e delle guardie giurate ai varchi, alla control room e nelle ronde. Inoltre l’Ente portuale ha dato disposizioni alle compagnie di navigazione perchè incrementino la percentuale dei controlli
delle autovetture in imbarco che accedono alle port facilities. «L’Autorità portuale, oltre a collaborare fattivamente con le forze dell’ordine, ha sempre individuato ogni soluzione possibile per garantire la massima sicurezza del porto e ha attivato già lo scorso anno una serie di strumenti per migliorare i servizi di controllo da parte dell’Agenzie delle Dogane, della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato, in particolare per i passeggeri e le autovetture dell’area extra Schengen», si legge in una nota.

A ROMA. «Come già avvenuto in seguito agli attentati di Parigi dello scorso novembre, la paura di nuovi atti terroristici sta portando ad una raffica di disdette di viaggi e vacanze con destinazione Roma precedentemente acquistati dagli utenti». Ne dà notizia il Codacons, che sta «ricevendo in queste ore le richieste di aiuto da parte di turisti di tutta Italia ma anche stranieri; utenti che sono in possesso di pacchetti turistici e soggiorni per vacanze nella capitale ma non intendono più recarsi a Roma, per il timore di possibili attentanti terroristici in città».
«Roma, dopo Parigi e Bruxelles, è la città europea che più risente della paura di attentati – afferma in una nota il presidente del Codacons Carlo Rienzi, candidato a sindaco della capitale -. Già a fine 2015, dopo i gravi fatti di Parigi, la città eterna ha visto crollare le presenze in alberghi, strutture ricettive e ristoranti, e succederà la stessa cosa nei prossimi giorni, dopo gli attacchi di Bruxelles».

A MANTOVA. «Proprio in questi momenti di crisi, dobbiamo fare in mondo che i luoghi attrattivi come Mantova e tutta la Lombardia, siano meta di turismo. Non è competenza della Regione, ma dobbiamo garantire la sicurezza. Oggi pomeriggio incontrerò il nuovo questore di Milano e parlerò con lui anche di questi temi». Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, a margine della presentazione di Mantova capitale italiana della cultura 2016.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox