7 Marzo 2014

Calabria, scontro tra due treni vicino a Catanzaro: 7 feriti, due donne gravi

Calabria, scontro tra due treni vicino a Catanzaro: 7 feriti, due donne gravi

Uno scontro tra due treni si è verificato intorno alle 14 di giovedì a Gimigliano, un centro poco distante da Catanzaro. Ci sarebbero, secondo le prime notizie, almeno due donne ferite, una delle quali è incinta, che sono state trasportate in gravi condizioni con l’ elisoccorso nell’ ospedale di Catanzaro. Erano una sessantina, in gran parte lavoratori e studenti pendolari, le persone a bordo dei convogli. Pendolari che quotidianamente raggiungono Catanzaro per motivi di lavoro o di studio utilizzando i convogli delle Ferrovie della Calabria. Oltre alle due donne, che non sarebbero in pericolo di vita, ci sono altri feriti, almeno sette e decine di contusi. Tra questi, su uno dei due treni, anche 16 atleti della squadra giovanile di calcio della Garibaldina di Soveria Mannelli. I ragazzi, che tornavano da Catanzaro dove avevano disputato una partita, sono stati smistati tra gli ospedali di Catanzaro e Soveria Mannelli. Racconta il padre di uno dei ragazzi feriti: “Sono arrivato qui quasi subito e ho visto alcune persone che procedevano a piedi sotto shock lungo la strada ferrata. È stata una sensazione terribili. Sono stati attimi da incubo – ha aggiunto – terribili e indimenticabili”. Ferrovia a binario unico L’ incidente si è verificato lungo la linea Catanzaro-Cosenza e, precisamente, nei pressi del santuario della Madonna di Porto. I due convogli si trovavano su un tratto delle ferrovia a binario unico; i treni erano composti da un locomotore e da un locomotore con un vagone. Al momento dello scontro, nella zona pioveva intensamente, pioggia che persiste, rendendo difficoltoso l’ intervento di polizia, carabinieri e vigili del fuoco. Si è recato sul posto il sindaco di Gimigliano, Massimo Chiarella, che sta partecipando al coordinamento dei soccorsi. Non è chiara l’ esatta dinamica dell’ incidente e resta da stabilire se si sia trattato di un errore umano o di un cattivo funzionamento dei segnali che regolano la circolazione ferroviaria e, in particolare, il semaforo della galleria di Madonna di Porto. I consumatori: “Troppi incidenti per scarsa manutenzione” Per il Codacons, “gli incidenti ferroviari in Italia, seppur in diminuzione, sono ancora troppi”: “I dati ci dicono che in Italia il numero di morti e feriti registrati a seguito di incidenti ferroviari è superiore rispetto al resto d’ Europa – spiega il presidente Carlo Rienzi – e questo significa che c’ è ancora molto da fare sul fronte della sicurezza. Ma il dato più grave è quello che vede il 35% degli incidenti riconducibili alla scarsa o cattiva manutenzione – prosegue Rienzi – Per questo chiediamo all’ Europa di sanzionare Rfi che, come ha affermato oggi l’ Agenzia Nazionale per la sicurezza delle Ferrovie, non ha ancora portato a termine il processo di riorganizzazione delle proprie strutture preposte alla sicurezza per renderlo conforme alle direttive comunitarie”.

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox