26 Febbraio 2019

Cade uno degli alberi che andava abbattuto: due feriti

roma, uno rischia la paralisi. gli agronomi: «allarmi inascoltati». raggi: «si deve intervenire subito»
ROMA Gli agronomi avevano avvertito il Campidoglio: quell’ albero andava abbattuto. E di corsa. Ma non è successo e ieri mattina si è schiantato da solo su viale Mazzini, fra le Poste e la Corte dei Conti, rischiando di fare una strage. Il pino, di quasi 30 metri, piantato nel 1920, è venuto giù schiacciando quattro auto. Un passante – Luigi Lambo, avvocato pugliese di 52 anni, docente della Luiss e papà di una bimba di nove – lotta contro la morte al Policlinico Umberto I: i rami lo hanno sbattuto per terra provocandogli un forte trauma toracico e forse lesioni vertebrali. Potrebbe restare paralizzato. I medici lo tengono sedato. «Qui si rischia la vita per niente, poteva succedere a chiunque», commenta sconsolata la moglie, sorretta da un collega del marito fuori dal pronto soccorso. Nel crollo è rimasto ferito anche un postino di 43 anni, Massimo Mignano. Usciva con la Panda di servizio dal cortile delle Poste quando il pino gli è piombato addosso. Sfiorati i soldati di guardia alla Corte dei Conti. Sotto le radici dell’ albero è stata scoperta una pozza d’ acqua, non si esclude provocata da una tubatura rotta. L’ agronomo Enrico Chiarot ha ordinato l’ abbattimento immediato di altri due pini. «Avevano zolle gonfie e radici con palesi screpolature», spiega. Il suo collega Franco Milito invece rivela: «Abbiamo marcato gli alberi da abbattere e potare in centro, ma nessuno è intervenuto». Ieri la sindaca Virginia Raggi ha visitato i feriti. Il postino, sotto choc, non ha voluto incontrare nessuno. «Serve un piano straordinario per l’ abbattimento di tutti gli alberi malati e arrivati a fine vita – dice la prima cittadina -. Spiace per gli ambientalisti, ma bisogna agire, il paesaggio di Roma cambierà, così non si può andare avanti». In tre giorni di vento forte i Vigili del fuoco hanno fatto 1.100 interventi per alberi e rami caduti nella Capitale e in provincia, dal Muro Torto all’ Appia Antica. Altri mille i vigili urbani. Dopo il crollo in viale Mazzini il Codacons ha presentato una denuncia in Procura per lesioni gravissime, attentato alla sicurezza dei trasporti e associazione a delinquere.
rinaldo frignani

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox