fbpx
17 Luglio 2012

Cacciata dalla battigia un’ aostana incinta

Cacciata dalla battigia un’ aostana incinta

La battigia non è di tutti, e non si fanno eccezioni. Neppure per le donne in gravidanza. I fatti devono ancora essere accertati, ma pare che mamma, papà e bimbo di 5 anni, di Aosta, siano arrivati a Alassio, nella mattinata di domenica, per le vacanze. Cercano un ombrellone, ma è mezzogiorno e nemmeno sulla spiaggia a pagamento c’ è posto. Non rimane che accontentarsi del bagnasciuga per fare giocare il piccolo. E per far riposare la mamma, Marigianna Semeraro, 35 anni, incinta al settimo mese. Qualche minuto, poi arriva il bagnino: sulla battigia non si può stare seduti, si può solo camminare. È la regola del Comune: la stabilisce un’ ordinanza. Non importa se sul bagnasciuga sono seduti altri bambini con le mamme: forse per loro si può chiudere un occhio, perché sono riusciti ad accaparrarsi uno degli spazi a pagamento del lido. Se Marigianna Semeraro, che a Aosta fa l’ artista, se ne va senza polemiche, Carlo Rienzi, presidente Codacons, è furioso: «La spiaggia è di tutti. Presenteremo un esposto alla Procura». «E’ da capire se sia accaduto davvero – dice Emanuele Schivo, assessore al Demanio -. Però il bagnino ha fatto il suo dovere, facendo rispettare l’ ordinanza». Scoppia il caso «Ordinanza comunale» Ma il Codacons annuncia battaglia.
[m. c.]

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox