22 Ottobre 2019

C’è lo sciopero, tenete i rifiuti in casa

Protesta: venerdì si fermano tutte le società partecipate del comune. Ama avverte: sarà garantita la raccolta soltanto in ospedali e scuole

Fernando M. Magliaro

Venerdì bisognerà tenersi a casa l’immondizia. E non sperate di prendere l’ autobus o la metro. Né di comprare un’ aspirina nella farmacia comunale. O che la scuola dei vostri figli sia pulita. Sono questi gli effetti dello sciopero generale dei lavoratori di tutte le società di proprietà del Comune di Roma, indetto dal Cgil, Cisl, Uil e Ugl, e in programma per l’ intera giornata di venerdì 25 ottobre. Sarà un venerdì duro per la città e politicamente molto pesante per Virginia Raggi e la sua compagine di governo del Campidoglio. Quello di venerdì è il «primo sciopero generale di Roma», come hanno evidenziato i sindacati nel presentare l’ astensione dal lavoro per protestare contro la Giunta Raggi. In sintesi, venerdì, si asterranno dal lavoro i di pendenti di Ama, Atac, Farmacap, Risorse per Roma, Zètema, /Equa Roma e via via tutte le altre municipalizzate. L’ Ama – tipo bollettino di guerra – chiede per venerdì ai romani di tenersi in casa l’ immondizia, visto che saranno garantiti solo il ritiro dell’ immondizia prodotta in ospedali e case di cura, caserme e lo svuotamento dei cestini in alcune zone più turistiche del centro, assicurando che già al primo turno di lavoro di sabato i rifiuti saranno nuovamente raccolti. Ma ci sarà da te stare la capacità di tenuta di un sistema che ha già superato da un pezzo il livello collasso e in cui ogni sussulto nel sistema di raccolta rischia di creare giorni e giorni di maleodorante caos in strada. Niente bus e tram, metropolitane e ferrovie concesse (Roma -Lido, Roma -Viterbo e Roma -Giardinetti) e, non bastasse, per lo stesso giorno è stato indetto uno sciopero sia dei lavoratori Cotral che di alcune sigle sindacali autonome del Gruppo Fs. Tradotto: niente Atac ma a rischio anche i treni e i pullman del consorzio della Regione Lazio. Allo sciopero aderiscono anche i partiti di opposizione alla Raggi e anche l’ immancabile Codacons. Come antipasto allo sciopero di venerdì, già oggi i lavoratori di Roma Multiservizi incroceranno le braccia con sit-in sotto la sede di Ama, mentre per il venerdì nero i sindacati hanno previsto una manifestazione sotto il Campidoglio («evitato il corteo per non aumentare i disagi at cittadini», spiegano). «Non ci divertiamo a bloccare la città» spiegano i sindacati. «È il primo sciopero generale di Roma, uno sciopero politico da quando ci hanno mandato la polizia a forzare il cordone di lavoratori al presidio di Multiservizi», dicono Natale di Cola (Cgil), Gianpaolo Pavoni (Cisl) e Alberto Civica (Uil). Che poi aggiungono: «Ce l’ abbiamo messa tutta a trovare gli accordi con questa amministrazione che poi sono diventati carta straccia. Da tanto non sentiamo il sindaco Raggi, ma vorremmo chiarire una cosa: la liquidazione significa che una società chiude, non può significare un’ altra cosa», il riferimento è a Roma Metropolitane, la società che progetta e appalta le metro e le altre infrastrutture di trasporto e che la Raggi ha deciso di mettere in liquidazione assicurando, a suo dire, la continuità nel servizio. Opposizioni a sostegno dello sciopero: «Dopo 3 anni e mezzo questa giunta non ha più scuse. Se una Giunta non riesce a imprimere la sua volontà di governo agli amministratori, che lei stessa nomina, qualunque sia stato il passato, un risultato è chiaro: la Giunta ha fallito», dicono Stefano Fassina (Sinistra per Roma), Svetlana Celli (Roma per Roma), Cristina Grancio (Dema), e Giulio Pelonzi (Pd).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox