fbpx
13 Giugno 2019

Bus roventi, esposto del Codacons contro Atac «Violenza privata per lavoratori e passeggeri»

 

Enrico Chillè
Il caldo infernale a bordo dei mezzi Atac, molto spesso privi di climatizzazione o con impianti guasti, diventa sempre più un caso. Non c’è solo lo sciopero anti-afa’ degli autisti a tenere banco, ora interviene a gamba tesa anche il Codacons.
Tra autobus, tram e treni della metropolitana, con l’arrivo dell’estate i viaggi di dipendenti Atac e pendolari diventano un vero e proprio inferno e ora l’associazione di tutela dei consumatori ha annunciato di aver presentato un esposto alla Procura di Roma, chiedendo di aprire un’indagine sul caso. «Numerose vetture hanno il sistema di climatizzazione non funzionante e questa circostanza porta le temperature interne dei mezzi ad innalzarsi fino a 40 gradi, trasformando i viaggi in una tortura per tutti» – ha spiegato Carlo Rienzi, presidente del Codacons – «Chiediamo alla Procura di Roma di intervenire aprendo un’indagine sul caso, alla luce dei possibili reati di maltrattamento e violenza privata nei confronti di utenti e lavoratori di Atac».
Resta confermato lo sciopero contro il caldo, indetto dai sindacati di Atac per il prossimo giovedì 20 giugno. Il Codacons ha commentato così l’agitazione promossa dai sindacati dell’azienda di trasporto pubblico: «Gli utenti non si accorgeranno nemmeno della protesta, perché al momento il servizio di Atac è già sospeso o interrotto su molte tratte, come nel caso delle stazioni metro Barberini e Repubblica, o della linea 2 del tram, senza considerare le numerose sospensioni del servizio sulla Metro A per i lavori su tutta la rete tra giugno e agosto».
Intanto, però, a fare le spese di questa situazione sono soprattutto i dipendenti di Atac e gli utenti, costretti a passare il tempo all’interno di mezzi che somigliano sempre più a delle saune che a vetture adibite al trasporto pubblico di una capitale europea. Un’indagine di Leggo aveva dimostrato, termometro alla mano, che in alcuni autobus la temperatura interna ha sfiorato i 40 gradi centigradi. Una situazione inaccettabile e pericolosa, specialmente se si considera che, tra gli utenti di Atac, ci sono soprattutto persone anziane.
riproduzione riservata ®

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox