1 Marzo 2011

Bus Atcm, al via i rincari “Disagi per gli anziani”

Bus Atcm, al via i rincari «Disagi per gli anziani»
 

SCATTA da oggi, anche a Modena e in provincia, tra gli strali del movimento consumatori, la manovra tariffaria del trasporto pubblico decisa dalla Regione Emilia Romagna per far fronte ai tagli al settore inseriti in finanziaria. Il biglietto di corsa semplice passerà a 1,20 euro, mentre non ci saranno aumenti degli abbonamenti mensili ed annuali, nè sovrapprezzi in vettura. L’ apposita delibera, formulata da aMo su incarico degli Enti locali, è già stata approvata dalla Provincia di Modena dai Comuni di Modena e Carpi, mentre sarà discussa in Consiglio a Sassuolo nei prossimi giorni. Atcm fa sapere che in particolare, il bacino di Modena si attiene alle linee guida del "Patto per la mobilità" per quel che riguarda il prezzo del biglietto di corsa semplice urbana e quello della zona singola di percorrenza extraurbana, che si assestano su 1,20 euro (ogni ulteriore zona attraversata dopo la prima costerà 80 centesimi in più) come nel resto della Regione, mentre non applica gli aumenti agli abbonamenti consentiti dal Patto stesso. Atcm aggiunge che dal confronto con i Comuni modenesi e il Comitato degli Utenti, è emersa infatti la volontà unanime di adottare una manovra tariffaria che non si limitasse a salvaguardare il servizio, ma che premiasse anche la fidelizzazione degli utenti. Inalterati anche gli sconti offerti dall’ Atcm Card e dall’ Atcm card senior. Per informazioni dettagliate su tutte le novità tariffarie in vigore dal primo marzo si può consultare il sito di Atcm: www.atcm.mo.it. Contrario agli aumenti il vicepresidente reginale del Codacons, Fabio Galli. «Siamo nel paese dei controsensi. Da una parte la città è tappezzata di cartelli che indicano la manovra anti smog con la quale limitano la circolazione delle automobili, dall’ altra aumentano le tariffe degli autobus pubblici con un aggravio della spesa anche di circa 100 euro all’ anno: ci riferiamo a quei cittadini che ci hanno chiamato dicendoci che non hanno i soldi per fare gli abbonamenti che vanno pagati in anticipo e che quindi viaggiano alla giornata, acquistando anche tre/quattro biglietti al giorno. E che dire – continua Galli – degli anziani che dovranno affrontare il pagamento del ticket attraverso la macchinetta posta sugli autobus. Ci sarà una corsa al tempo, stile "giochi senza frontiere", mentre l’ autobus è in movimento dovranno inserire le monetine stando ben attenti di infilarle tutte velocemente altrimenti scatta un meccanismo che mangia le monete già inserite ed allora bisogna ripagare tutto da capo. E cosa succederà a chi non avrà altre monetine oltre a quelle già inserite? In caso di controllo sarà considerato un portoghese e quindi sanzionato, o semplicemente un anziano che non è stato sufficientemente veloce? Anche a Modena bisognerà ricorrere al Tar per ottenere giustizia».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox