fbpx
10 Settembre 2019

BULLISMO, CASSAZIONE: COLPEVOLI IMPUNITI, LECITA REAZIONE VITTIMA

 

CODACONS: GIUSTIZIA “FAI DA TE” NON E’ SOLUZIONE. SCUOLE ATTIVINO INIZIATIVE CONCRETE CONTRO BULLISMO E VIOLENZA SULLE DONNE

A ROMA MOSTRA FOTOGRAFICA CONTRO BULLISMO DEDICATA AGLI STUDENTI DI TUTTA ITALIA

Contro il bullismo la giustizia “fai da te” non è la soluzione giusta, e la lotta al fenomeno deve partire dalle scuole. Lo afferma il Codacons, commentando la sentenza della Cassazione che ha accolto il ricorso dei genitori di un adolescente calabrese bullizzato contro la condanna a risarcire uno degli ‘aguzzini’ del figlio al quale la vittima aveva finito per tirare un pugno.
“Non entriamo nel merito della vicenda, ma la legge del taglione non aiuterà certo a combattere bullismo e violenze, fenomeni purtroppo in forte crescita in Italia – spiega il presidente Carlo Rienzi – E’ vero che le istituzioni spesso abbandonano le vittime, lasciandole sole e indifese, e proprio per questo devono essere le scuole le vere palestre contro il bullismo, attivando iniziative sul territorio volte a combattere questa piaga sociale”.
Proprio in favore delle scuole di tutta Italia il Codacons, in collaborazione col Museo Archeologico di Napoli e il Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, promuove una mostra fotografica allestita a Roma presso lo Stadio di Domiziano (L’arte dell’amore non violento nell’antica Roma), finalizzata – attraverso l’ausilio di psicologi ed esperti – a spiegare ai giovani i concetti di non violenza e rispetto degli altri, ricorrendo alle opere d’arte dell’antichità.
“Invitiamo i dirigenti scolastici di tutta Italia a far partecipare gli studenti alla Mostra, adoperandosi concretamente per combattere i fenomeni di bullismo e violenza sulle donne” – conclude Rienzi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox