12 Maggio 2013

Buche voragini killer in città ora indaga la procura pronta una class action

Buche voragini killer in città ora indaga la procura pronta una class action

 

BUCHE, l’ emergenza finisce in procura. Il consigliere Pd Athos De Luca ha presentato un esposto al magistrato, allegando i dossier pubblicati da Repubblica,denunciando il sindaco Alemanno «per attentato alla pubblica incolumità ». Il Codacons, contemporaneamente, annuncia una class action, una richiesta collettiva di risarcimento alle ditte per tutti i cittadini in vario modo danneggiati dai dissesti del manto stradale. «Riceviamo centinaia e centinaia di segnalazioni di incidenti, soprattutto da parte di motociclisti e di pedoni anziani, che inciampano e cadono per colpa delle buche» racconta il presidente Marco Ramadori. «Per questo stiamo preparando un’ azione collettiva per ottenere il risarcimento dalle imprese che si occupano della manutenzione delle strade. Starà poi al giudice compiere un’ istruttoria esaminando anche i contratti di appalto e stabilire le responsabilità, chepotrebbero coinvolgere Alemanno». «Il sindaco – dichiara De Luca – deve intervenire subito con le procedure di somma urgenza previste dalla legge, facendo transennare le buche pericolose e provvedendo alla loro riparazione». «Attraversando Roma – riprende il consigliere Pd – sembra di rivedere il film con Alberto Sordi in cui l’ attore romano sulla sit-car diceva al passeggero “attenzione… buca, grande buca, buca con acqua…” Purtroppo la realtà è molto meno divertente del film. Sia in auto che in moto affrontare le strade groviera significa impegnarsi in continui e pericolosi slalom, intervallati da repentini sobbalzi e sbandamenti. Un percorso di guerra che mette ogni giorno a rischio la salute e la incolumità dei cittadini, costretti anche ad affrontare gli alti costi per la riparazione dei mezzi». «I cittadini si rivolgono a noi per essere tutelati – spiega Ramadori – perché da soli non sanno come muoversi, sono scoraggiati dai costi e dai tempi della giustizia. Perciò abbiamo chiesto a tutti i romani danneggiati dalle buche di farci avere i verbali dei vigili, i referti del pronto soccorso e ogni documentazione che possa avvalorare i danni subiti. Consegneremo tutto al giudice». Ancora Ramadori: «Il vero scandalo è che non c’ è una manutenzione regolare. Lo dice anche la Costituzione all’ articolo 31 che la salute è un bene primario e va tutelato in via preventiva. Invece, le strade dissestate privano icittadini di questo diritto».© RIPRODUZIONE RISERVATA.

cecilia gentile

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox