fbpx
9 Marzo 2018

Buche stradali a Roma, ipotesi di bitume non a norma. L’inchiesta punta agli appalti

 

–di Ivan Cimmarusti Bitume non a norma per asfaltare le vie della Capitale. È l’ipotesi che si fa largo nell’inchiesta sul dissesto stradale di Roma, dove negli ultimi giorni si sono registrate vere e proprie voragini causate, soprattutto, dalla neve e dalle forti piogge. L’interrogativo degli inquirenti è: possibile che agenti atmosferici di così breve durata (anche se violenti) possano aver causato tutti questi danni?
Allo stato la Procura capitolina procede senza ipotesi di reato né indagati, ma sta analizzando una consulenza di parte depositata nei giorni da Codacons, secondo cui l’asfalto sarebbe di bassissimo livello.

Perizia tecnica depositata alla Procura di Roma
«Lo stato disastroso delle strade capitoline potrebbe essere determinato dal bitume non a norma utilizzato per il rifacimento del manto stradale». È quanto ritiene Codacons, che ha depositato la perizia ai magistrati della Procura capitolina. In particolare, l’associazione dei consumatori ha compiuto analisi su un campione di asfalto stradale, fatto analizzare da un laboratorio specializzato in materiali da costruzioni. Stando ai risultati, emergerebbe che «la percentuale di bitume rilevata e riferita al peso della miscela risulta essere pari al 3,97%. Un dato ben al di sotto dei limiti di accettazione Anas, che vanno dal 4,5% al 6,1%». Risultati che, secondo la perizia, evidenziano una scarsità di bitume nella miscela che potrebbe essere la causa dell’apertura continua di buche nella Capitale».

Dodici ditte di pronto intervento
La gestione degli interventi è affidata a 12 ditte di pronto intervento, ciascuna dotata di almeno tre squadre. Stando all’Amministrazione, la prossima settimana partiranno lavori di manutenzione ordinaria nell’ambito dell’operazione “Strade Nuove”, per il rifacimento di lunghi tratti di strade, per una somma di 9 milioni di euro: via Tuscolana, via Appia Nuova, via Casal del Marmo, corso Francia e via Flaminia Nuova, via del Castro Pretorio, via Galbani, via Colli Portuensi, viale Ionio e via Ugo Ojetti, via Cassia Nuova e via di Valle Aurelia. Due interventi di manutenzione straordinaria, per un totale di 2 milioni di euro, riguarderanno Via Ostiense e via Nomentana. Oltre 1 milione di euro sono le risorse per la realizzazione di altri interventi già attivi. A questi cantieri, nei prossimi mesi, se ne aggiungeranno altri su arterie importanti come Via Boccea, via Collatina, via di Tor Bella Monaca, Tangenziale est. In tutto si stimano 50mila interventi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox