18 Settembre 2019

BUCHE: PROVENTI MULTE USATI PER REGALARE BONUS E NUOVE DIVISE AI VIGILI URBANI

CODACONS PRESENTA ISTANZA A CORTE DEI CONTI PER DANNO ERARIALE

SUL CASO DEPOSITATA INTERROGAZIONE IN CAMPIDOGLIO. SINDACA RAGGI DOVRA’ DARE RISPOSTE

La questione dei proventi delle multe destinati a fini diversi dalla manutenzione stradale finisce ora al vaglio della Corte dei Conti. Dopo l’apertura dell’inchiesta per falso da parte della Procura di Roma a seguito di esposto Codacons, l’associazione dei consumatori ha deciso di rivolgersi anche alla magistratura contabile, affinché verifichi eventuali danni sul fronte erariale.
Dalle carte depositate dal Codacons in Procura, infatti, emergerebbe come i proventi delle contravvenzioni stradali, seppur impegnati in bilancio per lavori di manutenzione delle strade, siano stati utilizzati per finanziare spese quantomeno “bizzarre”. Tra queste figurano spese per l’acquisto di stracci, detersivi, mobilio, e addirittura armi e munizioni. Ma le voci che destano più di una perplessità sono quelle relative a bonus e indennità in favore dei vigili urbani della capitale, versati non si sa in base a quale criterio e per quali meriti specifici.
Proprio sullo scandalo portato alla luce del Codacons è stata presentata ora una interrogazione in Campidoglio a firma della Consigliera Svetlana Celli nella quale, sottolineando il “disallineamento del vincolo di destinazione” dei proventi delle multe e denunciando come “di fronte alle istanze dei cittadini e/o di comitati per l’istallazione di semafori in prossimità di incroci pericolosi, o la costruzione di rotatorie per lo smaltimento di consistenti livelli di traffico, le risposte dell’amministrazione sia centrale che territoriale di competenza sono state negative per mancanza dei fondi necessari”, si chiede alla Sindaca Virginia Raggi di riferire in Aula e fornire la documentazione circa la ripartizione dei fondi derivanti dalle contravvenzioni stradali.
“Ricordiamo che la mancata manutenzione dell’asfalto ha effetti non solo sulla sicurezza stradale, ma anche sulla salute di automobilisti e motociclisti – afferma il presidente Carlo Rienzi – Tutti gli istituti competenti hanno registrato una crescita abnorme a Roma di disturbi fisici nei cittadini che interessano colonna vertebrale, collo e schiena, riconducibili proprio alle buche stradali e allo stato dissestato dell’asfalto. Non a caso il servizio di visite fisioterapiche gratuite messo a disposizione dal Codacons per i romani tartassati dalle buche (grazie a una convenzione con le farmacie del gruppo Mazzini) ha registrato un boom di accessi tra il 2017 e il 2019, visite che possono ancora essere prenotate al numero verde 800582493”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox