fbpx
20 Novembre 2019

Bt Italia: Codacons, azionisti parte civile contro ex dirigenti

 

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Milano, 19 nov – Dopo il caso Bio-on, il Codacons si muove sull’ inchiesta British Telecom Italia. E fissa un’ assemblea pubblica a Bologna il 26 novembre con l’ obiettivo, spiega il vicepresidente dell’ associazione dei consumatori, Bruno Barbieri, di organizzare la costituzione di parte civile collettiva degli azionisti della societa’ che hanno subito perdite. Il prossimo 9 dicembre, infatti, si terra’ a Milano la prima udienza preliminare relativa all’ inchiesta su Bt Italia in cui sono indagate in tutto 23 persone. Tra i reati ipotizzati, false comunicazioni sociali, emissione di fatture per operazioni inesistenti e frode nelle pubbliche forniture. I bilanci contestati vanno dall’ anno fiscale 2012-13 al 2015-16. Agli ex dirigenti, spiega Barbieri, ‘vengono contestati una serie di reati” che “hanno determinato in Borsa, la’ dove erano quotati i titoli della societa’ all’ atto dello svelamento dei bilanci non corretti, una perdita di valore delle azioni della British Telecom Spa’. Per questo, continua, ‘sia chi ha acquistato i titoli in questo arco di tempo, sia coloro che avendo gia’ avuto in precedenza la titolarita’ non li hanno venduti sulla base della falsa rappresentazioni della situazione patrimoniale della societa’, e che hanno subito una perdita patrimoniale, potranno costituirsi parte civile nel procedimento penale’.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox