12 Giugno 2010

Bond, risparmiatore sarà risarcito

NONANTOLA. Codacons batte Allianz Bank per la quarta volta sul caso dei Bond Argentini venduti ad un gruppo di nonantolani nel 2001. Ancora una volta la vittima della vendita ingannevole verrà risarcita con un rimborso integrale con tanto di interessi da parte della banca che ha ereditato, suo malgrado, l’ intero gruppo di cause da un promotore. La quarta vittoria giunge ancora una volta dal Tribunale Civile di Milano. Con una sentenza depositata l’ altro giorno in Cancelleria Civile, il giudice ha condannato la Allianz Bank a restituire 35mila euro investiti dal cliente nonantolano in bond argentini, oltre ad interessi e rivalutazioni maturati da allora (più 8mila euro di spese legali). Ad oggi il Codacons è riuscito a recuperare 245mila euro dalla somma complessiva di bond argentini venduti ad una quindicina di famiglie nonantolane. Dato che non è in corso una class action, i casi saranno affrontati dal giudice ad uno ad uno e quindi, stando all’ avvocato Bruno Barbieri, vicepresidente del Codacons nazionale, si attende un’ altra decina di sentenze. Questa sentenza è relativa ad una causa iniziata due anni fa e secondo il Codacons dimostra che non è vero che i tempi e i costi di un processo contro una banca siano inaffrontabili. Infine per cause di questo tipo è necessario attivarsi entro il 31 dicembre: Codacons ricorda che dopo sarà necessario un tentativo di conciliazione prima di potersi rivolgere ai giudici con perdita di tempo e denaro. Oltretutto, ricorda il Codacons, il termine prescrizionale è di dieci anni e non decorre dalla data di acquisto dei bond ma dalla data del default, avvenuto nel dicembre 2001. (c.g.)
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox