5 Maggio 2006

Bollino blu obbligatorio dal 2007


Venezia Il bollino blu diventerà obbligatorio dal 1. gennaio 2007 e i contravventori saranno sanzionati con una multa di 71 euro, una consistente parte dei quali dovrà essere destinata dai Comuni a interventi per contenere l` inquinamento atmosferico da traffico. È quanto dispone il progetto di legge regionale licenziato ieri all`unanimità (con la sola astensione del consigliere di Rifondazione comunista, Pietrangelo Pettenò) dalla commissione ambiente e che ora andrà all`esame dell`aula. Il provvedimento, che norma la circolazione dei veicoli circolanti nel territorio regionale ai fini della lotta all`inquinamento, prevede l`obbligo annuale di far controllare i fumi del motore dei veicoli dalle officine abilitate e di esporre il relativo bollino blu a esclusione dei veicoli a motore immatricolati dopo il 1. luglio 2004 per i quali l`obbligo scatterà contestualmente alla prima revisione prevista. Il pdl affida inoltre alla Giunta regionale (sentito il Cis, Comitato regionale di indirizzo e sorveglianza) la possibilità di stabilire, entro il 1. gennaio prossimo, possibili esenzioni e una diversa tempistica di assoggettamento all`obbligo del bollino per alcune particolari categorie di veicoli a motore.Rispetto al provvedimento iniziale proposto dalla Giunta, che faceva decorrere l`obbligo del bollino blu dal 1. luglio 2005 e l`avvio del regime sanzionatorio dal 1. gennaio 2006, la commissione ambiente ha adottato una diversa formulazione che estende a tutto il territorio regionale (e non solo ai centri abitati) l`obbligo della certificazione dei fumi di scarico e posticipa al 1. gennaio del prossimo anno l`applicabilità delle multe. “La legge non può mai essere retroattiva – spiega il presidente della commissione Maurizio Conte, relatore del provvedimento in consiglio, replicando a quanti avevano contestato nei giorni scorsi la scelta del legislatore regionale – e deve consentire a tutti, cittadini, autonomie locali e autorità di vigilanza, i necessari tempi tecnici di informazione, conoscenza e attuazione“.“Il provvedimento votato risponde alla volontà precisa di agire su uno dei prioritari fattori di inquinamento atmosferico, qual è il traffico, con controlli seri ed efficaci, dettati non tanto dalla logica di fare cassa, quanto piuttosto da quella della responsabilità comune nei confronti del bene primario della salute delle persone – aggiunge Conte – L`avvio di un regime regionale di controlli e di sanzioni, valido su tutto il territorio regionale, diventerà inoltre elemento di riordino dell`attuale situazione di disparità che si è creata tra città capoluogo e periferia, centri abitati e zone rurali e anche tra le stesse province, a seguito delle diverse ordinanze adottate dai sindaci“.E i cittadini che diligentemente hanno fatto il bollino blu già quest`anno passeranno per i soliti fessi? No, se l`iniziativa in loro difesa dal Codacons veneto andrà in porto. “Scriveremo all`assessore regionale Giancarlo Conta – annuncia il presidente Franco Conte – per chiedere il rimborso di quanto pagato oppure, poichè sappiamo che la procedura in tal senso potrebbe risultare piuttosto complicata e onerosa, che quanto pagato per il bollino blu quest`anno sia considerato un acconto del bollino per il 2007. Sarebbe un bel gesto di attenzione ai cittadini, un gesto in controtendenza che vedrebbe una volta tanto premiati non i furbi ma gli onesti“. “Al riguardo – aggiunge Conte – esiste già un precedente nel quale la Regione Veneto ha dimostrato una grande sensibilità: se non ricordo male, era stata diffusa una scadenza errata per il pagamento del bollo auto e l`assessore ai tributi Isi Coppola diede disposizione affinché non venissero applicate le sanzioni ai ritardatari in buona fede“. Vedremo se anche con il bollino blu si premierà la diligenza dei veneti.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox