24 Ottobre 2023

BOLLETTE, PICHETTO, NESSUNA PROROGA SECCA MERCATO TUTELATO ENERGIA. CODACONS: DA GOVERNO DECISIONE PERICOLOSA

 

CON GUERRA IN ISRAELE QUOTAZIONI ENERGIA +34%. AI PREZZI ATTUALI EFFETTI SU BOLLETTE LUCE E GAS PARI A +355 EURO ANNUI A FAMIGLIA SUL MERCATO TUTELATO

La decisione del Governo di non prorogare il mercato tutelato dell’energia è per il Codacons estremamente pericolosa e rischia di avere ripercussioni dirette sulle bollette pagate dagli italiani. Lo afferma l’associazione dei consumatori, commentando le dichiarazioni odierne del Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto.
Famiglie e imprese vanno incontro ad un inevitabile aumento delle tariffe di luce e gas, considerato che dallo scoppio del conflitto in Ucraina le quotazioni del gas sui mercati internazionali sono salite del +34% – spiega il Codacons – Un incremento che, se traslato sulla voce “approvvigionamento materia prima energia” nelle prossime bollette di luce e gas, determinerebbe sul mercato tutelato una spesa aggiuntiva pari a +355 euro su base annua a famiglia. La bolletta media del gas salirebbe infatti di 210 euro, attestandosi a 1.537 euro annui a nucleo, mentre quella dell’elettricità aumenterebbe, nell’ipotesi di prezzi costanti, di 145 euro, portandosi a quota 909 euro annui, con una spesa complessiva per le forniture energetiche di 2.446 euro e un incremento complessivo del +17% rispetto alle tariffe attualmente in vigore. Ciò, ovviamente, senza considerare le possibili ulteriori fiammate dei prezzi dell’energia sui mercati legate sia alla situazione geopolitica internazionale, sia all’incremento della domanda nei mesi invernali.
“Dinanzi a questa situazione di grande instabilità dei prezzi energetici, il Governo deve mantenere in piedi il mercato tutelato, la cui fine il prossimo gennaio per il gas e ad aprile per l’energia elettrica getterebbe nel caos 15 milioni di famiglie – 9 milioni di utenze per le bollette della luce e 6 milioni per quelle del gas – che ancora non sono passate al mercato libero, continuando a tutelarle da speculazioni ed enorme volatilità delle quotazioni” – conclude il presidente Carlo Rienzi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this