27 Marzo 2019

Bollette: da aprile gas in calo del 9%, elettricità giù del 10%

EFFETTO GREGGIO ROMA Bollette meno care in vista per gli italiani. Dopo i pesanti rincari del 2018, tariffe in calo a partire da aprile per le famiglie: -8,5% per l’ elettricità e -9,9% per il gas. La buona notizia l’ ha comunicata l’ Arera, l’ Autorità per l’ energia, spiegando che «come in parte già registrato nei primi tre mesi del 2019, nel secondo trimestre dell’ anno si determinano riduzioni che sono prevalentemente legate alla contrazione dei prezzi delle materie prime nei mercati all’ ingrosso dell’ energia, nazionali ed internazionali». Quanto agli effetti sulle famiglie, al lordo delle tasse, per l’ elettricità la spesa per la famiglia-tipo, nei 12 mesi compresi tra il primo luglio 2018 e il 30 giugno 2019, sarà di 565 euro. E nello stesso periodo la spesa della famiglia tipo per la bolletta gas sarà di circa 1.157 euro. Così, secondo i calcoli dell’ Unione consumatori, una famiglia media risparmierà 168 euro all’ anno, vale a dire 50 euro di luce e 118 di gas in meno. «Una riduzione nella bolletta è sempre un dato accolto con favore, naturalmente, ma occorre monitorarne le cause e le dinamiche con la stessa attenzione che sarebbe stata riservata in caso contrario ha spiegato il presidente dell’ Autorità, Stefano Besseghini – il primo trimestre ci ha regalato un inverno non troppo rigido e condizioni di acquisto del gas allineate tra Europa e paesi Asiatici che hanno contribuito ad un contenimento delle quotazioni all’ ingrosso. L’ azione dell’ autorità in questo contesto si concentra sul monitoraggio del sistema per consentire il massimo trasferimento di beneficio possibile al cliente finale». Entrando nel dettaglio, per quanto riguarda l’ energia elettrica la riduzione è determinata da un deciso calo della componente a copertura dei costi per l’ approvvigionamento dell’ elettricità (-12,22%), parzialmente ridotto da un adeguamento degli oneri generali (3,72%). Per il gas naturale, invece, la riduzione è frutto dalla riduzione della spesa per la materia prima (-10,5% sulla spesa della famiglia tipo), legata alle quotazioni stagionali attese nei mercati all’ ingrosso nel prossimo trimestre, leggermente controbilanciata da piccoli aggiustamenti degli oneri generali (0,41%) e di altre componenti connesse al trasporto e gestione del contatore (0,15%). «Nonostante si parli di aumenti in tutti i settori, i costi dell’ energia e del gas diminuiranno e si tratta di un segnale importante che incoraggia verso scelte di politica energetica che fanno bene all’ ambiente e non danneggiano il portafoglio degli italiani» ha commentato il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio. Polemico il Codacons: «Le riduzioni non assorbono le stangate pregresse, solo nel corso del 2018 le tariffe della luce hanno registrato un incremento dell’ 11,12%, mentre il gas è aumentato del 16% tra il 2018 e il primo trimestre del 2019». © RIPRODUZIONE RISERVATA.
michele di branco

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox