8 Maggio 2017

Blitz Nas, arrestati 19 medici e imprenditori

Blitz Nas, arrestati 19 medici e imprenditori

Agenpress. Il blitz della Procura di Parma che ha portato all’arresto di 19 medici e imprenditori, accusati di aver messo in piedi un vasto sistema di corruzione e riciclaggio attraverso favori ai colossi del mercato farmaceutico in cambio di regali e soldi, conferma in pieno i nostri sospetti sui rapporti ambigui esistenti in Italia tra medici e aziende dei farmaci. Lo afferma il Codacons, che chiede ora alla Procura di Parma di estendere le indagini al mercato dei vaccini.

“Quella di Parma è solo l’ultima tra le tante indagini condotte dalla magistratura e che hanno individuato legami illeciti tra camici bianchi e case farmaceutiche – spiega il presidente Carlo Rienzi – Episodi che arrecano danno alla collettività e ai singoli cittadini, attraverso un aggravio di costi per il Servizio Sanitario Nazionale e un illecito arricchimento per le società dei farmaci”.

Per questo il Codacons chiede oggi alla Procura di Parma di estendere le indagini al mercato italiano dei vaccini.

“Negli ultimi mesi è scoppiata nel nostro paese una vera e propria “caccia alle streghe” nei confronti di chi, medici compresi, osa avanzare critiche al settore delle vaccinazioni – spiega Rienzi – Un fenomeno inspiegabile per il quale non vorremmo ci fossero “mandanti”, magari tra chi produce i vaccini e teme di perdere benefici economici qualora si facesse luce sulle anomalie del mercato italiano.

Non a caso la madre di tutte le corruzioni sanitarie fu proprio quella sui vaccini, quando l’allora Ministro della Sanità De Lorenzo e l’allora responsabile del settore farmaceutico del ministero Duilio Poggiolini intascarono una tangente da 600 milioni di lire per unificare due vaccinazioni”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox