fbpx
11 Febbraio 2013

Blackout informatico, caos a Fiumicino

Blackout informatico, caos a Fiumicino

 

Fiumicino. Caos e disagi ieri mattina per i passeggeri all’ aeroporto di Fiumicino: per due ore, dalle 7 alle 9, è andato in tilt per un guasto il sistema informatico “Arco” utilizzato per tutte le operazioni di check-in e di carico dei bagagli da Alitalia e dalle compagnie aeree Jat, Tunis Air e Royal Air Maroc. Inevitabili le ripercussioni per tutte le operazioni di accettazione dei passeggeri e dei bagagli, con conseguenti ritardi, anche superiori ai 70 minuti, nella partenza di alcuni voli nazionali e internazionali. Il guasto tecnico è avvenuto a otto giorni di distanza dall’ incidente dell’ Atr 72 della compagnia romena Carpatair, che operava il volo Pisa-Roma per conto di Alitalia. Così nello scalo romano ieri è stata una mattinata campale per centinaia di passeggeri che, per tutta la durata del blackout, hanno formato lunghe file soprattutto in corrispondenza dei voli Alitalia al Terminal 3 per Miami, Caracas, Algeri e Nizza, dal momento che le operazioni di accettazione, per circa due ore, si sono svolte manualmente. Solo dopo le 9 il sistema informatico è stato ripristinato e la situazione progressivamente è tornata verso la normalità. Tanti i passeggeri esasperati. «Siamo arrivati a Fiumicino intorno alle 7 per imbarcarci sul volo di Alitalia per Miami che doveva decollare alle 9,15 – ha raccontato Ester, in procinto di partire per la luna di miele – ma una volta giunti qui ci hanno riferito che per un guasto al sistema informatico l’ aereo non sarebbe partito prima delle 11. Abbiamo fatto una fila al check-in di oltre due ore». Lo stesso disservizio si è verificato per i passeggeri dei voli diretti a Nizza, Caracas e Algeri. Nello scalo romano solo poco dopo le 11 tutte le operazioni di check-in dei voli Alitalia sono tornare a svolgersi normalmente. Mentre le polemiche sono decollate. «Ci chiediamo se anche il sistema informatico Arco sia stato appaltato da Alitalia ai romeni di Carpatair – ha detto il presidente del Codacons Carlo Rienzi -. Ciò che è accaduto a Fiumicino è assurdo e intollerabile». DISAGI ANCHE A CIAMPINO. E ieri mattina qualche disagio, seppur lieve, si è registrato, per altri motivi nello scalo romano di Ciampino: dalle 10 alle 12 ci sono state restrizioni del traffico aereo a causa delle operazioni di disinnesco e rimozione di una bomba d’ aereo americana risalente alla II guerra mondiale, con oltre 200 chili di esplosivo. A subire variazioni d’ orario sono stati due voli della compagnia Ryanair in partenza per Santander e Alghero e altrettanti in arrivo da Cracovia e Parigi. CONTO ALLA ROVESCIA PER IL CDA ALITALIA. Conto alla rovescia per il Cda Alitalia che dovrebbe decidere sul finanziamento da 200 milioni di euro necessario per traghettare la società nei prossimi mesi. L’ appuntamento è per giovedì, ma oggi è una giornata cruciale, con una serie di incontri tra i soci. Sarebbero già pronti a mettere mano al portafoglio sia Air France sia i soci maggiori, mentre alcuni degli azionisti più piccoli vogliono conoscere i termini dell’ operazione. Se saranno tutti d’ accordo si dovrebbe procedere ad un prestito, altrimenti si potrebbe pensare ad un prestito convertibile in azioni. Resta inoltre in ballo anche la possibilità di un prestito trasformabile in aumento di capitale. 11/02/2013.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox