30 Luglio 2007

BIMBO SFIGURATO DA CANE IN UN AGRITURISMO

    BIMBO SFIGURATO DA CANE IN UN AGRITURISMO

     

    ANCORA UN INCIDENTE IN UN AGRITURISMO

     

    IL CODACONS CHIEDE PIU’ CONTROLLI E PIU’ SICUREZZA

     

    Un bimbo di 4 anni è stato aggredito e sfigurato da un cane in un agriturismo in provincia di Udine. Un fatto grave, perché non si tratta del solito cane sfuggito al controllo, scappato dal cortile, bensì del cane del proprietario dell’agriturismo, ossia di un luogo aperto al pubblico in cui si dovrebbe prestare la massima attenzione per la sicurezza e, comunque, maggiore attenzione rispetto ad una abitazione privata.
    Non è il primo incidente grave che si verifica in un agriturismo. Lo scorso anno, ad esempio, era morto un bimbo di 4 anni schiacciato da un cancello.
    Il Codacons ricorda che ormai in Italia ci sono 16.000 agriturismi e che si tratta di un settore in forte crescita. E’ bene ricordare, però, che non si tratta più di aziende agricole che affittano stanze, ma di vere e proprie imprese turistiche con un giro d’affari che raggiunge il miliardo di euro.
    Proprio per questo bisogna imparare a scegliere l’agriturismo giusto, perchè non è sempre oro tutto quello che luccica. Già dallo scorso anno, ad esempio, il Codacons aveva sollevato il problema della sicurezza.
    C’è una generale tendenza, infatti, a considerare che, trattandosi di ambiente agreste e genuino, le norme di sicurezza si possano anche trascurare. Un esempio è per la vendita ed il confezionamento di alimenti e bevande (vedi marmellate, frutta sciroppata….), non sempre fatte a regola d’arte. Niente di più sbagliato! Sia gli immobili da destinare all’attività agrituristica, che l’attività stessa debbono rispettare i requisiti igienico sanitari e le norme di sicurezza. Per questo il Codacons chiedeva, e chiede ancora oggi, più controlli.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox