11 Luglio 2007

Bimba di 5 anni aggredita da un pitbull. Immediato intervento della madre evita i danni più gravi

La bimba di 5 anni è stata aggredita dal pitbull, fortunatamente l`immediato intervento della madre della piccola ha evitato danni più gravi. Portata al pronto soccorso dell`ospedale di Belcolle, la ragazzina è stata medicata per alcune ferite all`orecchio e al volto e poi ha fatto ritorno a casa. Non c`è stato, come è stato invece riferito ieri dalla Tg del Lazio, alcun intervento chirurgico. Ma la paura è stata grande, tanto che la sorellina che ha assistito alla scena è rimasta sotto shoc. Un fatto increscioso avvenuto a Le Mosse, una località a ridosso del centro abitato di Montefiascone costellato di villini e piccoli condomini. Il pitbull, sfuggito alla custodia dei padroni, è uscito dal giardino di casa infilandosi di corsa nell`abitazione di fronte. Entrato in cucina ha aggredito la piccola sotto gli occhi della sorellina di 11 anni. La madre delle bambine, che si trovava in un`altra stanza, ha sentito le grida ed è intervenuta riuscendo ad allontanare l`animale che è subito rientrato nel giardino da dove era scappato. La bimba prima è stata portata all`ospedale di Montefiascone, poi a quello di Viterbo dove, però, non si è reso necessario il ricovero. Conseguenze anche per la sorella di 11 anni, terrorizzata dall`aggressione. La ragazzina è rimasta sotto shoc per alcune ore. I genitori delle due bambine fino a ieri sera non avevano comunque presentato alcuna denuncia. I carabinieri affermano di non sapere nulla di quanto avvenuto a Le Mosse. Ma intanto la vicenda ha smosso le attenzioni di alcune associazioni di cittadini. Il Codacons parla di “ennesima tragedia sfiorata“ e ricorda l`ordinanza Turco riguardante le imposizioni di sicurezza per i proprietari di cani ritenuti potenzialmente pericolosi. Il Moige – movimento italiano genitori – ci va giù pesante: “L`aggressione di questa mattina a una bimba di 5 anni da parte di un pitbull dimostra che con tali cani in giro nessuno è al sicuro, nemmeno nella propria abitazione. Con l`estate l`allarme cresce perchè i bimbi passano più tempo a contatto con gli animali“. Lo ha detto la presidente, Rita Iannuzzo, citando l`esempio di paesi come la Francia e la Germania dove le razze a rischio vengono sterilizzate.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox