25 Settembre 2014

Bimba di 3 anni muore azzannata dal cane del padre

Bimba di 3 anni muore azzannata dal cane del padre

Eleonora Meg Gloria, una bambina italiana di 3 anni è morta azzannata dal suo cane in un paese vicino Roma. Il cane è un pastore tedesco , certo non uno degli esemplari di cane generalmente ritenuti pericolosi. La tragedia è accaduta ieri sera a Fiano Romano, in provincia di Roma. La bambina è stata morsa al collo, sulle braccia e sulla testa. Portata in gravissime condizioni in ospedale, è morta nella notte. Sul posto i carabinieri. A quanto si è saputo, ieri sera intorno alle 19,30 la bambina era in casa col padre e, approfittando di un attimo di distrazione del genitore, si è avvicinata al recinto dove c’ era il pastore tedesco di 9 anni, tenuto nel rispetto delle norme vigenti. Il cane l’ ha morsa sul collo, rompendole la trachea, sulle braccia e sulla testa. La piccola è stata soccorsa dal padre, accorso per le urla della bambina. Vana la corsa in ospedale La piccola è stata trasportata dal 118 in condizioni disperate al policlinico Sant’ Andrea dove è arrivata in arresto cardiocorcolatorio. Ricoverata in prognosi riservata, è deceduta nella notte. Sul posto si sono recati i carabinieri della stazione di Fiano Romano. Il cane è stato preso in custodia dai militi della compagnia di Bracciano. Nota: Gli esemplari ritratti nelle foto di questa pagine e della home è tratto, a solo titolo esemplificativo, da Google immagini e non ha alcun collegamento con la notizia. Il padre: “Era destino, il Signore ha voluto così” Sconcertante, anche se si può capire lo choc, la reazione del padre di Gloria: “È destino, il Signore ha voluto così”. “I genitori sono disperati – racconta lo zio Vincenzo – la bimba era figlia unica. Mio nipote, che lavora come operatore ecologico, ha più di quarant’ anni e si è sposato tardi con una straniera. La bambina era amatissima da tutti”. Ma il nonno avrebbe insistituo più volte per far mandare il via il cane perché gli sembrava “strano”. Il padre non ha voluto, spiegando che il pastore tedesco era sotto controllo e aveva un chip proprio per questo. È corso in giardino perché la piccola urlava A quanto ricostruito finora, il papà della piccola ieri pomeriggio è corso in giardino quando ha sentito dei rumori strani e ha trovato la sua bimba per terra dopo essere stata morsa più volte dal pastore tedesco. Il cane è stato preso in carico dal personale della Asl. I parenti della bimba non escludono che venga abbattuto. Il Codacons chiede il patentino Sulla vicenda interviene anche il Codacons. “Al di là del caso specifico e delle dinamiche che hanno causato l’ aggressione, è indubbio che esistono razze di cani potenzialmente pericolosi per l’ uomo – afferma il Presidente dell’ associazione Carlo Rienzi – Indipendentemente dall’ educazione che si da al proprio animale, è universalmente riconosciuto che esistono razze, come i pitbull o i rottweiler, che per le loro caratteristiche proprie (potenza, robustezza, dentatura… ) possono provocare ferite letali in caso di morsicatura”. “Per tale motivo chiediamo da tempo un patentino obbligatorio per chi possiede cani particolarmente potenti e potenzialmente pericolosi – prosegue Rienzi – Il morso di un volpino, infatti, non causa certo le stesse ferite del morso di un rottweiler”. Conclude Rienzi: “L’ aver eliminato la lista dei 17 razze di cani a rischio introdotte dall’ ex Ministro Sirchia ha di fatto cancellato qualsiasi obbligo per i loro proprietari, con conseguenze negative sul fronte della sicurezza”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this