21 Gennaio 2010

Bimba azzannata da un rottweiler

Un muratore la strappa alla morte

MILANO 21/01/2010 – Azzannata e sfigurata da un cane. Una tragedia evitata per un soffio, gra-zie al coraggio di un mura-tore. Un operaio bergama-sco che, ieri pomeriggio, con il suo eroismo ha sal-vato la vita a una bambina di cinque anni assalita da un meticcio rottweiler, che le ha parzialmente scuoiato il cranio. Il drammatico incidente è avvenuto in via Amatore Sciesa, a Paderno Dugna-no. Verso le 14.30 la picco-la è entrata nel cortile di una villetta di alcuni ami-ci, ai quali la mamma e il papà l’ avevano affidata per tutta la giornata. E, dopo aver visto il cane che giocava in cortile, gli si è avvicinata. Il cane, di no-me Tyson, stava sgranoc-chiando un tozzo di pane. E la bimba, probabilmen-te, ha provato a toglierglie-lo dalla bocca. L’ animale ha avuto una reazione vio-lentissima: l’ ha azzannata alla testa. A salvarle la vita, appun-to, è stato il provvidenzia-le intervento del murato-re. Dopo aver sentito le grida disperate di aiuto e il pianto della bimba, l’ o p e-raio bergamasco si è preci-pitato all’ interno della vil-la ed è riuscito, a colpi di martello, a staccare la te-sta della bambina dalle fauci della belva. La piccola è stata traspor-tata d’ urgenza all’ o s p e d a-le Niguarda: ha profonde ferite alla fronte, al collo e al cuoio capelluto, che è stato parzialmente scuoia-to. Operata d’ urgenza, ora è in prognosi riservata ma non è più in pericolo di vita. " E’ stato davvero un angelo – racconta una an-ziana pensionata che vive nel quartiere riferendosi all’ operaio che le ha salva-to la vita -. ha scavalcato la recinzione del suo cantie-re, poi tentare di aprire il cancello della villetta. E, poiché non si apriva, con un salto lo ha scavalcato, entrando nella villetta e riuscendo a togliere la bambina dalla bocca del cane, salvandole la vita " . Ora gli abitanti del tran-quillo quartiere di via Fra-telli Bandiera e via Ama-tore Sciesa – una distesa di villette con giardino -sono sotto shock. " Cono-scevo bene quel cane -racconta un pensionato -certo, abbaiava, e spesso questo poteva dare noia ai vicini. Ma non aveva mai torto un capello a nessu-no " . " Questa ennesima aggres-sione – commentano dal Codacons – è la dimostra-zione del totale fallimento della nuova ordinanza del Sottosegretario alla Salute Francesca Martini, che ha la responsabilità di aver cancellato senza giustifi-cazione alcuna la lista del-le 17 razze ritenute poten-zialmente più pericolose, eliminando conseguente-mente tutti i rimedi colle-gati a questa lista, dall’ ob-bligo per i padroni di que-sti cani di condurli sia con il guinzaglio che con la museruola a quello di sti-pulare una polizza di assi-curazione di responsabili-tà civile per danni contro terzi " .
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox