17 Dicembre 2020

Biglietti dei treni, Antitrust indaga sugli aumenti

 

 

L’impennata dei prezzi sui treni delle festività finisce sotto il faro dell’Antitrust L’Authority non ha aperto una vera e propria procedura contro i principali operatori del settore, Trenitalia e Ntv, ma ha chiesto alle due compagnie di fornire maggiori informazioni sulle offerte di collegamento e sulle politiche tariffarie adottate nel periodo tra il 21 dicembre e il 6 gennaio. Periodo che sarà interessato da un deciso aumento delle richieste di trasporto. mettere sull’avviso l’Antitrust il sostenuto aumento dei prezzi rilevato in alcune giornate del periodo 15 dicembre 2020- gennaio 2021 e in particolare nei giorni precedenti e in quelli successivi alle misure di blocco degli spostamenti previste dal Dpcm del 3 dicembre, che interessano il periodo dal 21 dicembre al 6 gennaio. Ora entro tre giorni Trenitalia e NTV dovranno comunicare i criteri utilizzati per determinare il numero di collegamenti e i posti disponibili sulle principali tratte nazionali, fine – scrive l’Antitrust – di fronteggiare il prevedibile incremento della domanda nel periodo in questione, nonché i criteri con cui vengono determinati i prezzi, con particolare riferimento allo scostamento rispetto alla tariffa base normalmente applicata per ciascuna tratta”. Esultano le associazioni dei consumatori. Unc chiede che “si faccia subito chiarezza perchè è evidente che si tratta di una speculazione intollerabile. rincari ci sono sempre stati nei momenti di maggiore richiesta, così come negli orari di punta, ma non in modo così consistente. Inoltre è inaccettabile che avvenga durante un momento di così grande difficoltà per il Paese e per i viaggiatori”. Soddisfatto anche il Codacons. Il presidente Carlo Rienzi che ricorda come “il monitoraggio del Codacons inviato all’Antitrust accertava prezzi dei biglietti altissimi per spostarsi in treno prima del 21 dicembre: per andare da Milano a Salerno si arriva a spendere oltre 152 euro; 183,45 euro per raggiungere Bari partendo da Torino; 198,30 euro per andare da Milano a Reggio Calabria e addirittura 211,50 euro da Torino a Reggio Calabria”. Interviene sul tema anche Coldiretti che in un sondaggio ha riscontrato che “l’aumento anomalo dei prezzi e i previsti limiti agli spostamenti costringono quasi un italiano su 3 (31%) ad anticipare le partenze per raggiungere i luoghi di residenza, parenti o le seconde case prima del blocco che scatterà il 20 dicembre”. Ad affrettare le partenze anche la preoccupazione per il nuovo Dpcm che fisserà le ulteriori regole per le feste di Natale.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox