20 Gennaio 2011

Ber Banca, il Codacons tutelerà i correntisti

IL CODACONS ha lanciato un’ azione collettiva per tutelare i correntisti e gli azionisti di Ber Banca, l’ istituto bolognese ora commissariato per un ‘ buco’ di circa 170 milioni. I conti correnti sono bloccati dal 6 dicembre, con l’ autorizzazione della Banca d’ Italia. Circa 1.500 i correntisti coinvolti, fra cui diversi vip. Il Codacons si muove su tre fronti: azione collettiva per il risarcimento danni, domanda di mala gestio verso il cda e ricorso sia al Tar che al tribunale. «LA PROCURA segue la vicenda con la massima attenzione», dice il procuratore aggiunto Valter Giovannini. L’ inchiesta vede indagate 13 persone per truffa, infedeltà patrimoniale a riciclaggio. L’ ipotesi è che ingenti somme di denaro siano state portate a San Marino. La Procura sta alla finestra in attesa di vedere se l’ operazione di salvataggio di Banca Intesa, che vuole rilevare la Ber, andrà in porto. La sospensione dei conti scadrà il 7 marzo ed entro quella data bisognerà concludere. Il Fondo interbancario, in caso di fallimento di una banca, copre i conti correnti solo fino a 103.000 euro. Oltre quella cifra, il cliente perde tutto. Nel caso di Ber, il fondo coprirebbe conti per 17 milioni, mentre altri 23, riguardanti 55 posizioni, non sarebbero coperti (tra questi anche ‘ Telefono Azzurro’ ). In caso di accordo, se li accollerà invece Banca Intesa.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox