fbpx
9 Aprile 2003

Benzinai in sciopero pieno senza bancomat

Benzinai in sciopero pieno senza bancomat

Fino a venerdì non si paga con le carte



COMINCIA oggi lo sciopero dei benzinai che rifiuteranno i pagamenti con le carte di credito ed il bancomat fino a venerdì. L`Associazione Consumatori Codacons sostiene che l?iniziativa aiuta i consumatori. Pochi sanno, infatti, afferma il Codacons «che è una pessima abitudine pagare non in contanti un pieno di carburante. Nel caso di carta di credito quasi tutte le banche prevedono una commissione per i loro clienti di 0,77 euro per ogni rifornimento.
Un costo apparentemente esiguo, ma che se viene moltiplicato per tutti i pieni di benzina che si fanno in un anno, può diventare significativo». L`associazione fà i conti: «se consideriamo un consumo medio di 1.200 litri annui di benzina ed un rifornimento di 40 litri, abbiamo una spesa finale di 23 euro. Si tratta comunque di un importo pari a circa il 2% del costo della benzina (1,925%)».
Ma «attenti anche al bancomat». Molti ad esempio, sono convinti di averlo gratis. La voce più insidiosa è la registrazione dell`operazione sul conto corrente. Non appena la cifra è prelevata sul conto partono in media 1,95 euro di scrittura. Ogni riga nell`estratto conto ha un costo».
La questione dei costi delle commissioni approda al Senato. Alleanza Nazionale ha presentato una mozione che impegna il governo ad assumere iniziative volte a definire condizioni agevolate per favorire il pagamento del servizio di rifornimento mediante carta di credito, bancomat, schede prepagate e altri mezzi di pagamento elettronico.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox