6 Ottobre 2020

BENZINA: UP, SU PREZZI PESA FISCO. CODACONS: NON È VERO, SU PREZZI PESA ANCHE SPECULAZIONE DEI PETROLIERI

    CARBURANTI NON SCENDONO ABBASTANZA QUANDO CALA PETROLIO

    AD APRILE PETROLIO CROLLATO DEL -74%, MA ALLA POMPA PREZZO BENZINA SCESO SOLO DEL -11%

    Sui prezzi di benzina e gasolio in Italia non pesano solo le tasse eccessive, ma anche le speculazioni sui listini che incidono non poco sulle tasche degli italiani. Lo afferma il Codacons, attaccando l’Unione Petrolifera che oggi ha affermato come il maggior costo alla pompa” per gli automobilisti italiani sia interamente dovuto alla componente fiscale.
    Ciò non è vero, o almeno lo è solo in parte – spiega il Codacons – La tassazione eccessiva ha sicuramente un ruolo negativo sui listini dei carburanti, ma anche le speculazioni sui prezzi di benzina e gasolio che puntualmente si registrano in Italia determinano un danno per le tasche della collettività.
    Ricordiamo infatti che i listini alla pompa seguono l’andamento delle quotazioni petrolifere solo al rialzo, con prezzi che aumentano velocemente quando il petrolio costa di più; al contrario sono lentissimi a scendere quando le quotazioni calano.
    Come avvenuto ad esempio lo scorso aprile, quando a causa del coronavirus le quotazioni internazionali del petrolio hanno subito un tracollo del -74%, e nello stesso periodo in Italia il prezzo della benzina alla pompa subì una diminuzione di appena il -11%, mentre per il gasolio la riduzione fu del -12,1%”.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox