24 Luglio 2001

Benzina sporca ai natanti

SOTTO ACCUSA I DISTRIBUTORI DI ISCHIA E CAPRI

«Benzina sporca ai natanti»

Denuncia del presidente Codacons rimasto in panne col gommone

«Nei distributori di benzina sui moli di Ischia e di Marina Grande a Capri, è in vendita carburante sporco, capace di lasciare i motori in panne in mezzo al mare e di rovinarvi la vacanza».

La denuncia arriva dal telefonino di Carlo Rienzi, il presidente nazionale del Codacons, il coordinamento delle associazioni per la tutela dei diritti di utenti e consumatori.
Rienzi è rimasto in panne con il suo gommone ieri mattina e ha immediatamente denunciato i distributori di Ischia e Capri dove s?era fermato per il «pieno».
Sul molo di Salerno, fortunosamente raggiunto con il motore in avaria, s?è messo al telefono e ha chiamato il 117, il numero verde della Finanza, per denunciare l?accaduto.
Intanto un meccanico si prendeva cura di carburatori, pistoni e bronzine del suo fuoribordo da 150 cavalli messo ko dalla benzina sporca che aveva ?bevuto?. «Ho sperimentato la qualità della benzina per natanti – dice Rienzi – Dopo i rifornimenti a Ischia e a Capri sono stato costretto a fermarmi con la mia imbarcazione al porto di Salerno per far riparare il motore. Ora ho dovuto interrompere la mia vacanza che mi avrebbe dovuto portare alle Eolie».

Con Rienzi, anche Enrico Marchetti, presidente della sezione Campania del Codacons. Altre imbarcazioni, tutti gommoni di grandi dimensioni che partecipavano alla «traversata» verso le Eolie, hanno avuto gli stessi danni meccanici dopo il rifornimento.
Per i gestori delle pompe che avrebbero erogato carburante non puro, un bel guaio incappare nei dirigenti di una delle più tignose associazioni di consumatori.

«Abbiamo presentato denuncia alla Guardia di Finanza. Bisogna che siano effettuati attenti controlli sui distributori dei moli», dice Rienzi.
«La Guardia di Finanza deve verificare che sulle banchine dei porti delle due località turistiche, che oggi sono tra le più frequentate d?Italia, sia in vendita benzina pulita. Vanno presi provvedimenti nel caso in cui si riscontrassero violazioni delle norme», s?infervora il presidente.

Con Rienzi e Marchetti altre persone che hanno avuto la stessa disavventura: la prova provata che qualcosa non andava nella benzina e non nei motori delle imbarcazioni.
Solo oggi i gommoni forse saranno in grado di riprendere il largo e la rotta per le Eolie. Intanto, Marchetti medita controlli approfonditi anche sui distributori di altre località turistiche. «La benzina sporca è ovunque intollerabile, ma se sulla terra ferma mette a repentaglio la vita del motore – dice – in mare può far rischiare la vita a qualcuno».

Vacanza rovinata presidente? «Sa qual è il nostro motto? Non ingoiare il rospo. Così, invece, di ripartire per le isole al più presto, ho preferito presentare denuncia alla Guardia Finanza: per il consumatore non c?è vacanza».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox