6 Settembre 2010

Benzina scontata, Tuscia da record

 Nella provincia viterbese dodici pompe bianche, un terzo del totale laziale Il Codacons ha pubblicato l’elenco completo dei distributori indipendenti dove si risparmia tra i 5 e i 10 euro per ogni pieno.

 
Pompe bianche, Viterbo si riscopre isola felice degli automobilisti. Contro le speculazioni di petrolieri e benzinai, nel pieno dell’ esodo per le vacanze estive, il Codacons ha deciso, infatti, di pubblicare per la prima volta l’ elenco completo dei distributori indipendenti, o pompe bianche, presenti sul territorio nazionale. Impianti che secondo l’ associazione per la difesa dei consumatori permetterebbero, calcolatrice alla mano, un risparmio tra i 5 e i 10 euro per ogni pieno. «Si tratta di pompe di benzina che non appartengono alle compagnie petrolifere tradizionali e non presentano quindi i marchi che siamo abituati a vedere lungo le strade o in autostrada – ha spiegato il presidente Codacons, Carlo Rienzi – grazie a tale "indipendenza" i distributori in questione possono praticare listini più convenienti rispetto ai distributori tradizionali e i carburanti vengono venduti fino a 8 centesimi di euro al litro in meno. Ipotizzando due pieni al mese, ciò si traduce in un risparmio fino a 100 euro l’ anno per ogni automobilista. Per tale motivo invitiamo i cittadini, laddove possibile, a fare rifornimento unicamente nei distributori indipendenti, almeno fino a quando il prezzo della benzina non tornerà a livelli accettabili». Secondo Codacons, nel Paese sono poco più di trecento gli "indipendenti" (per avere una panoramica completa basta digitare www.codacons.it/area_download/DistributoriIndipendenti.htm ), e ben 35 di esse si trovano nel Lazio. La terza regione, per numero di pompe bianche, dopo le Marche (40) e la Lombardia (36). Ben rappresentata in questo elenco è la provincia viterbese che può vantare, secondo i dati Codacons, ben dodici distributori indipendenti, praticamente un terzo del totale laziale. Otto, invece, le differenti marche presenti nella Tuscia. A partire dalle viterbesi Cancellieri, Enerpetroli e Tuscia Petroli ben rappresentati nel capoluogo e non solo. Ma c’ è anche la campana Ewa, senza dimenticare Facchini carburanti con un punto vendita a Montalto, e Manzipetroli a Montefiascone. Ad esse si uniscono, sempre secondo le rilevazioni Codacons, due distributori senza insegna: uno a Nepi e l’ altro a Monte Romano. Meglio della Tuscia solo la provincia di Roma con 17 pompe. Decisamente staccate Latina, Frosinone e Rieti rispettivamente con 3, 2 e un distributore. Anche facendo un confronto nazionale gli automobilisti viterbesi possono ritenersi soddisfatti. Maggiore scelta, oltre ai vicini capitolini, possono vantarla solo Ascoli Piceno (15) e Ancona (13). Ferma a 10 invece Milano un gradino più sotto Verona (9). Più indietro tutte le altre città italiane.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this