4 Maggio 2010

Benzina, aumenti a raffica: salasso per automobilisti

Aumenti a raffica per i carburanti ROMANuova raffica di aumenti sulla rete carburanti. Dopo la mossa di venerd di Agip, dal monitoraggio di quotidianoenergia.it risulta che tutte le compagnie hanno adeguato al rialzo i listini con la benzina volata oltre 1,44 euro/litro. Nel dettaglio, a varcare la soglia Q8 che con un aumento di 0,5 centesimi andata a 1,442 euro/litro. La compagnia intervenuta allo stesso modo sul diesel, salito cos a 1,287 euro/litro. Api-IP hanno aumentato di 0,5 centesimi verde e diesel portando i prezzi di riferimento, rispettivamente, a 1,438 e 1,281 euro/litro. Erg ha rialzato di 0,5 centesimi la benzina, fino a 1,433 euro/litro, e di 1 centesimo il diesel, a 1,279 euro/litro. Esso intervenuta con +0,5 centesimi su entrambi i prodotti, andando a 1,434 euro/litro sulla benzina e a 1,276 euro/litro sul diesel. Shell ha ritoccato all’ ins di 0,5 centesimi il solo diesel, a 1,284 euro/litro. Infine Tamoil e Total hanno ritoccato la benzina di 0,5 centesimi portandola, rispettivamente, a 1,436 e 1,439 euro/litro. Con i nuovi rialzi del prezzo della benzina i maggiori esborsi previsti per gli automobilisti, nel 2010, superano la stima di 254 euro annui fatta dall’ Osservatorio nazionale Federconsumatori: con 24 euro in pi per costi diretti e 10 euro in pi per costi indiretti, il totale sale a 288 euro annui. Cos non si pu andare avanti, i costi per gli automobilisti stanno diventando insostenibili, dicono Adusbef e Federconsumatori che chiedono di applicare il meccanismo dell’ accisa mobile, capace di controbilanciare l’ aumento dell’ Iva qualora il petrolio raggiunga livelli predeterminati, contribuendo cos a calmierare i prezzi dei carburanti. Le organizzazioni sollecitano inoltre l’ applicazione delle misure previste dal protocollo sottoscritto con i petrolieri, a partire dalla razionalizzazione della rete, al blocco settimanale dei rincari e alla costituzione dell’ Osservatorio istituzionale sulla doppia velocit. Secondo i calcoli del Codacons, invece, la serie di aumenti determiner a fine anno una stangata stimabile in almeno 500 euro a famiglia, che potrebbe aggravarsi qualora i listini dovessero superare quota 1,5 euro al litro. La maxi-stangata ? spiega l’ associazione dei consumatori ? determinata non solo dal maggiore costo del pieno, per il quale oggi occorre sborsare almeno 10 euro in pi rispetto allo scorso anno, ma dagli effetti negativi che gli aumenti dei carburanti faranno registrare in tutti i settori. Le ripercussioni maggiori si avranno sui prezzi dei prodotti trasportati e in generale sull’ inflazione, con un impatto compreso tra il +0,3% e +0,5%, sulle tariffe energetiche (luce e gas), sui costi a carico dell’ industria e in tutti quei settori che risentono dell’ andamento dei carburanti.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox