23 Marzo 2005

Benzina a quota 1,204 al litro

Benzina a quota 1,204 al litro

Sotto la spinta del caro petrolio nuova fiammata dei prezzi dei carburanti. Oggi vertice da Marzano

Il nuovo record ai distributori Q8. Aumenta anche il gasolio che arriva a 1,093

Roma La benzina ha toccato un nuovo record, spinta dalla corsa del prezzo del petrolio che anche ieri si è attestato sopra quota 57 dollari. La verde ha, infatti, toccato ieri quota 1,204 euro, ovvero più di 2.300 delle vecchie lire.
La nuova fiammata del prezzo dei carburanti è arrivato proprio alla vigilia dell`incontro tra i petrolieri e il ministero delle Attività produttive, Antonio Marzano. Sul tavolo la questione della trasparenza dei prezzi, ma anche il nodo della leva fiscale e il problema dell`ammodernamento della rete di distribuzione. Resta, invece, confermata la serrata dei gestori annunciata per dopo Pasqua. Protesta il Codacons: «Si tratta di un`iniziativa sbagliata e ipocrita».
Presso i distributori Q8, secondo quanto registrato dal ministero delle Attività produttive, il prezzo consigliato ai gestori ha ieri toccato 1,204 euro al litro, 0,003 euro in più rispetto a 1,201 raggiunto dalla Total il 7 marzo scorso.
La Q8 ha anche messo mano al prezzo del gasolio, portandolo a un passo da 1,1 euro, a 1,093.
Con il nuovo ritocco all`insù del prezzo della benzina la spesa per un pieno di un`auto di media cilindrata richiede ben 60 euro. Anche per il gasolio, giunto ormai vicinissimo alla soglia di 1,1 euro al litro, si tratta del nuovo primato.
Quanto agli altri marchi, non sono state registrate variazioni ai prezzi degli ultimi giorni. Ma tutti si collocano immediatamente al di sotto della soglia di 1,2 euro al litro per la verde e sotto 1,090 per il gasolio.
Questo pomeriggio dunque si terrà l`atteso incontro tra il ministero delle Attività produttive e i gruppi produttori. E proprio sulla questione della crescita dei prezzi, più volte evidenziata dallo stesso ministro Marzano, si attende una presa di posizione dei gruppi petroliferi. Ma oggi si dovrebbero affrontare anche le questioni della trasparenza dei prezzi e della strutturazione della rete di distribuzione.
Resta poi aperto il nodo del peso fiscale che grava sui carburanti. «La responsabilità del caro benzina – ha sottolineato Carlo Rienzi, del Codacons – non è solo dei gestori ma anche dei petrolieri e del governo, il quale ancora non ha sterilizzato le accise».
L`associazione dei consumatori si dice in ogni caso contraria allo sciopero annunciato dai gestori subito dopo Pasqua.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox