14 Marzo 2006

BATTIBECCO Il presidente Rai sulla lite col premier

BATTIBECCO Il presidente Rai sulla lite col premier

Alla fine Petruccioli scarica l`Annunziata “Un brutto episodio“





ROMA L`importante dirigente della Margherita, il diessino d`area liberal, uno degli spin doctor di Prodi: non è difficile trovare personalità del centrosinistra pronte ad ammettere che Lucia Annunziata “ha davvero esagerato“. Impossibile, però, è convincerli a dirlo apertamente. La risposta è sempre la stessa: “Siamo sotto elezioni, ti pare che ci mettiamo a litigare tra di noi per difendere Berlusconi…“. Non fa una piega. Certo è quando, ieri, il presidente della Rai Petruccioli ha censurato il comportamento della conduttrice di In mezz`ora nell`Unione hanno protestato davvero in pochi. Falomi, De Zulueta e Carra, per la precisione. Per il diessino Petruccioli, dunque, l`Annunziata è stata aggressiva e provocatoria almeno quanto Berlusconi e “secondo la legge sulla par condicio non doveva farlo“. Petruccioli è scontento: “Ho visto molta aggressività, molta insofferenza reciproca: è stato un brutto episodio. La Rai deve fare in modo che episodi del genere, da cui usciamo tutti male, non si ripetano“. Il comportamento di Lucia Annunziata (che, secondo Petruccioli, “doveva mirare a finire la trasmissione“) sarà giudicato oggi sia dal Cda Rai che dall`Autorità. Che potrebbe chiedere alla tivvù pubblica di ripristinare l`equilibrio violato o di attivare dei procedimenti disciplinari nei confronti dell`Annunziata o del direttore del Tg3. Contro Petruccioli, dunque, si è levata solo la voce del segretario della Federazione nazionale della stampa, Serventi Longhi. Ma contro l`Annunziata le voci, oltre a quelle scontate del centrodestra, sono state molte. La più originale è quella del giornalista, ferocemente antiberlusconiano, Marco Travaglio. Che al Corriere ha dichiarato che l`Annunziata “ha cercato l`incidente“ ed è stata “gratuitamente e pretestuosamente aggressiva“. La morale, secondo Travaglio, è che “tutti e due hanno trovato quello che cercavano: Berlusconi ha avuto il suo incidente con la Rai comunista e l`Annunziata la sua aureola di martire per rifarsi una verginità“. Critici anche il portavoce del Codacons, Carlo Rienzi, e l`Osservatore romano. Scrive infatti il giornale del Vaticano che l`Annunziata ha “compromesso equidistanza ed equilibrio“ e l`intervista, anche per colpa di Berlusconi, “si è trasformata in uno spettacolo di cattivo gusto“. E oggi tocca al Cda Oltre che ai consiglieri d`amministrazione della Rai in quota Cdl, pare che l`atteggiamento dell`Annunziata non sia piaciuto neanche al diessino Carlo Rognoni. Mentre Sandro Curzi, direttore del Tg3 ai tempi di “Telekabul“, ne ha preso spunto per invitare i giornalisti Rai ad esercitare “professionalità, senso di responsabilità e pazienza“. Difficile pensare che non ce l`avesse con l`Annunziata.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox