4 Giugno 2011

Batterio-killer: 18 morti “Italia, nessun rischio”

Batterio-killer: 18 morti «Italia, nessun rischio»
 

BERLINO I casi di Escherichia Coli sembrano essersi «stabilizzati», ma in Europa rimane alta l’ allerta e si continua a cercare la fonte di un’ epidemia che finora ha fatto 18 morti, di cui 17 in Germania. Ieri per la prima volta da giorni, non si sono registrate nuove vittime e le autorità sanitarie tedesche hanno aggiornato il numero dei casi di sindrome emolitico uremica (seu) – la versione resistente e più pericolosa del ceppo Ehec del batterio – a quota 520. Si tratta di 50 in più rispetto a mercoledì, mentre la settimana scorsa se ne contavano anche 100 in più al giorno. Dall’ inizio di maggio a oggi, inoltre, in Europa i casi legati all’ Ehec sono 1.823. «La situazione è che il numero di nuove infezioni sembra essersi stabilizzato», ha commentato Reinhard Brunkhorst, presidente della Società tedesca di nefrologia e responsabile dell’ ospedale universitario della regione di Hannover (Nord), dove sono stati registrati numerosi decessi. Questa è comunque l’ epidemia di E. Coli «più importante causata da un batterio negli ultimi decenni», ha aggiunto. Per questo, secondo la cancelliera Angela Merkel e il premier spagnolo Josè Luis Zapatero, trovare la fonte è una «priorità», in modo da poter mettere a punto ulteriori misure per proteggere la popolazione. Tuttavia, anche se i test dovessero rivelare l’ origine dell’ infezione in tempi brevi, difficilmente la situazione tornerebbe alla normalità rapidamente. Il tabloid tedesco Bild (sette milioni di lettori) titolava ieri in prima pagina «Allarme-Ehec» parlando dello «choc dei medici». L’ opinione pubblica è ancora in preda al panico. In Russia il premier Vladimir Putin ha detto chiaramente che Mosca «non avvelenerà» i suoi cittadini in nome dell’ Organizzazione mondiale del commercio (Wto). Il riferimento è allo stop alle importazioni di verdure fresche dall’ Unione europea (imposto anche dal Libano). Secondo Bruxelles, «ogni embargo completo è sproporzionato» ma resta il fatto che l’ epidemia ha già colpito 12 paesi (11 europei più gli Usa) e tutti hanno un legame con la Germania. Ieri un gruppo di produttori spagnoli ha protestato ad Amburgo (Nord) contro le accuse ai cetrioli iberici. La Merkel, da parte sua, al telefono giovedì sera con Zapatero, ha difeso la gestione dell’ epidemia. Secondo un sondaggio di Eurobarometro, la contaminazione preoccupa il 62% dei cittadini europei ma la percentuale sale al 79% in Italia, dove – secondo il Codacons – le vendite di frutta e verdura sono crollate di almeno il 15%. Ma il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, è sicuro che gli italiani possono stare tranquilli: «Esiste la possibilità teorica che qualche contaminato dalla Germania possa arrivare in Italia – ha commentato -, ma sicuramente non è possibile che prodotti contaminati arrivino sui nostri mercati». Lunedì prossimo, le conseguenze dell’ epidemia saranno sul tavolo dei ministri Ue della sanità. La riunione del Consiglio è in programma a Lussemburgo dove, per l’ Italia, parteciperà Fazio. Intanto, le indagini epidemiologiche e di laboratorio per risalire all’ origine del focolaio continuano, ha detto la portavoce dell’ Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Fadela Chaib.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox