16 Gennaio 2002

BATTAGLIA CONTRO IL FUMO: UN PLAUSO A SIRCHIA E UNA DENUNCIA A VESPA

    IL CODACONS CHE DA ANNI EFFETTUA I BLITZ COME I NAS PLAUDE ALL`INIZIATIVA DEI NAS E DI SIRCHIA MENTRE CHIEDE LE DIMISSIONI DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA DENUNCIATO VESPA ALL`AUTORITA` DELLE TLC PER AVER TACIUTO LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE CHE IMPONE IL DIVIETO DI FUMO IN BAR E RISTORANTI, EMARGINATO I CONSUMATORI E DATO SPAZIO A UN CERTO BIANUCCI FINANZIATO DALLE MULTINAZIONALI DEL TABACCO



    Finisce un?altra volta nel mirino dei consumatori ?Porta a Porta?, trasmissione televisiva in onda su Raiuno, condotta da Bruno Vespa. Dopo le puntate sull?euro che più che fare informazione hanno contribuito ad alimentare i dubbi e le incertezze degli italiani (come documentato anche da ?Striscia la notizia?) è stata trasmessa ieri una puntata dedicata al fumo.

    Esclusi i consumatori e le associazioni che li rappresentano, come ad esempio il CODACONS, che da anni si batte contro il fumo attivo e passivo, effettuando blitz e ottenendo anche successi sul campo, come ad esempio la vicenda ?Schiaratura?, con i giudici che per la prima volta dispongono la consulenza tecnica per accertare il nesso tra l?insorgenza del tumore (che ha provocato la morte dl sig. Schiaratura) e il vizio del fumo. Esclusa anche la Lega Tumori. Non solo. Nel corso della trasmissione sono state tralasciate due importanti sentenze della Corte Costituzionale (la 202/91 e la 399/96) che vietano il fumo anche in bar e ristoranti. Come se non bastasse la trasmissione ha dato ampio spazio a un certo Bianucci, finanziato dalle multinazionali del tabacco. Vespa ha però dimenticato si specificare che Bianucci rappresentava nella fattispecie un braccio propagandistico delle lobbies del tabacco.

    Per tutti questi motivi il CODACONS ha deciso di denunciare il conduttore del programma, Bruno Vespa, all?Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.
    L?associazione plaude invece all?iniziativa del Ministro della Salute Sirchia e dei NAS: questi ultimi hanno effettuato un blitz all?interno del Consiglio Regionale ligure, multando un consigliere, un commesso e un operaio che stavano fumando nonostante i divieti. Il CODACONS chiede inoltre le dimissioni del Presidente del Consiglio regionale della Liguria Gianni Plinio, che ieri ha addirittura chiesto l?allontanamento dei due Carabinieri che semplicemente facevano il loro dovere.


      Aree Tematiche:
    • FUMO
    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox