fbpx
15 Novembre 2019

Basta un po’ di pioggia e le buche mandano il traffico in tilt

il camel trophy di viale piave
MIRIAM ROMANO La strada è forata come un campo di battaglia. Le voragini partono da via Nino Bixio, vicino piazza Maria Adelaide di Savoia, arrivano in viale Piave dove la strada curva verso porta Venezia. È il risultato della pioggia dei giorni scorsi che ha devastato il manto stradale, riducendo in poltiglia l’ asfalto, bucherellando i marciapiedi. E accanto alle rotaie dei tram, dove l’ asfalto è già sofferente a causa del passaggio dei mezzi, i problemi si fanno più evidenti e le buche sono diventate voragini piene di fango. Si è creato in quel punto un incrocio maledetto, dove le automobili curvano e si cimentano in manovre lente e difettose per evitare di scivolare nei dissesti della strada. Il tram quando passa sulle rotaie all’ altezza di viale Piave si sente stridere da lontano. I passeggeri avvertono un rallentamento dei mezzi, ma Atm smentisce. Non c’ è nessun ritardo, nessun problema alla circolazione causato dalle voragini delle pioggia. Ma l’ ingorgo e il traffico che si è creato in questa tratta è innegabile. I pedoni stanno attenti a non inciampare quando attraversano la strada. Anche se è difficile. I binari del tram 9 sono circondati da crateri. Siamo a due passi da Porta Venezia, da corso Buenos Aires, zone centrali della città, aree di shopping e locali, frequentate giorno e sera da milanesi e turisti. Il disastro della pioggia avrà strascichi lunghi. Perché si sa, per sistemare una strada dissestata a Milano può passare diverso tempo. E se i crateri accanto ai binari non hanno causato per ora rallentamenti ai tram, i problemi alla circolazione sono all’ ordine del giorno. Qualche mese fa, ancora prima dell’ estate, Codacons aveva presentato un dossier dettagliato con l’ elenco di centinaia di punti critici della città. Oggi, è facile pensare che a distanza di pochi mesi, le situazioni pericolose siano almeno raddoppiate. L’ associazione dei consumatori aveva fatto sapere che le cadute sono un problema quotidiano, anche se solitamente non ci sono conseguenze gravi. I passaggi da bollino rosso sono ovunque. In via Valla 25, per esempio, lo scorso anno il marciapiede era stato rifatto. Ma sono bastati pochi giorno di pioggia per ridurre di nuovo l’ asfalto in un fossato pieno d’ acqua e costringere i tecnici a uscire di nuovo per sistemare il danno. «Questo è emblematico di come le cose vengano fatte da questa amministrazione», commenta Alessandro De Chirico, consigliere comunale di Forza Italia, «sono stati spesi i soldi dei milanesi che pagano le tasse regolarmente. Ma a distanza di nemmeno 12 mesi ci troviamo punto e a capo, forse perché i lavori non sono stati fatti a regola d’ arte». riproduzione riservata I buchi nell’ asfalto in viale Piave.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox