27 Novembre 2002

Barriere e antenne, il Codacons chiede le scuse del sindaco

Barriere e antenne, il Codacons chiede le scuse del sindaco

Maranello. E` sempre aperto lo scontro tra i comitati, Barbolini e il primo cittadino

MARANELLO. Sulla vicenda della barriere antirumore e dei ripetitori per i cellulari a Maranello scende in campo il Codacons a fianco del consigliere comunale Luca Barbolini, rappresentante di un comitato di cittadini che si è battuto per ottenere che le barriere venissero costruite e che alcuni ripetitori fossero spostati. E si rimprovera al sindaco di avere rilasciato dichiarazioni discutibili.
A parlare è il coordinatore del Codacons regionale avvocato Bruno Barbieri. «Da quando a Maranello il Codacons e i comitati che ad esso fanno capo chiedono che una serie di problemi annosi trovino soluzione, all`improvviso si scopre che qualche giorno prima gli stessi sono stati risolti dall`amministrazione. Questo pareva avvenuto per le barriere antirumore della Pedemontana finora mai realizzate, dopo che si è tenuto l`incontro organizzato dal Codacons a Pozza. Ancora, dopo la richiesta di fare approvare un regolamento sulle antenne per telefonia mobile, il Comune ha scoperto di esserne privo (nonostante fino al giorno prima distribuisse opuscoletti in cui si vantava del piano delle antenne che altro non era che un placet alle richieste dei gestori) ed in consiglio comunale è stato approvato l`ordine del giorno proposto dall`ing. Barbolini che prevedeva l`adempimento. In realtà per le barriere antirumore non è prevista negli impegni di spesa del Comune alcuna voce relativa ai tratti già in essere avendo il capitolo di spesa n. 7210 previsto uno stanziamento per il secondo tronco della pedemontana che non ricomprende Pozza e Crociale. I cittadini che hanno partecipato alla riunione di Pozza erano presenti per aderire al Codacons che vuole farsi portavoce delle loro esigenze. La Provincia partecipò tramite l`assessore Giovanelli. Il sindaco invece non ha ritenuto di dover assistere o mandare un suo rappresentante. Riteniamo necessario che il sindaco precisi le proprie dichiarazioni dando atto che l`avv. Barbieri era presente quale coordinatore del Codacons e non come legale dell`ing. Barbolini il quale resta libero di adire le vie legali in relazione alle dichiarazioni del sindaco stesso».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox