8 Marzo 2011

Banche: Casper, famiglie italiane sempre pou’ indebitate

Banche: Casper, famiglie italiane sempre pou’ indebitate
 

(Teleborsa) – Roma, 8 mar – I dati di Bankitalia sull’ aumento dei tassi del credito al consumo confermano quanto affermato, da tempo, dalle associazioni Casper – Comitato contro le speculazioni e per il risparmio (Adoc, Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori). Le famiglie italiane, si legge in una nota, stanno attraversando una crisi profonda, che le costringe a indebitarsi sempre di piu’ , a fronte della riduzione del risparmio e del potere d’ acquisto, soprattutto per le pensioni e per i redditi bassi. Come se non bastasse, un nuovo balzello e’ saltato fuori dal cilindro delle banche: la "tassa sul contante’ . Imposizione dell’ importo medio di 3 euro, che da qualche giorno molti istituti di credito richiedono a quei clienti che si recano in agenzia a prelevare denaro contante. "Bankitalia intervenga urgentemente per fermare questa vergogna – affermano le associazioni di Casper – l’ idea che un cittadino debba pagare per poter disporre del proprio denaro, soprattutto alla luce degli ultimi drammatici dati economici, e’ un ritorno al Medioevo e l’ esempio concreto di come gli istituti di credito introducano periodicamente nuovi balzelli con l’ unica ragione di "spremere’ i consumatori e arricchire le proprie casse. La situazione economica e’ grave, non vorremmo che i consumatori siano costretti a ritirare gli ultimi 3 euro sul proprio conto spendendo la stessa cifra in commissioni. Ad ogni modo, invitiamo i correntisti a verificare se la propria banca e’ tra quelle che applicano la "tassa sul contante’ e, in tal caso, chiudere il conto e passare ad altro istituto di credito’ .

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox