10 Ottobre 2012

Avviso bonario, «no» del Codacons

Avviso bonario, «no» del Codacons

LECCE – Ancora incerto il futuro del cosiddetto avviso bonario, cioè la mini-multa con la quale, entro 48 ore dall’ infrazione, si può evitare la sanzione di 24 euro per insufficiente pagamento della tariffa oraria per il parcheggio. Secondo alcuni dovrebbe essere abolito, ma la legislazione in materia non è chiara. A difenderlo a spada tratta, invece, sono le associazioni dei consumatori, primo fra tutti il Codacons Lecce. L’ attuale regolamentazione dell’ avviso bonario prevede che, in caso di scadenza del «grattino», e della contestazione con verbale da parte degli ausiliari del traffico, l’ automobilista ha la possibilità, entro le 48 ore, di pagare soltanto 5 euro (se si tratta di zona periferica con tariffa oraria di 0,50 centesimi) o 10 euro (se si tratta di zona centrale con tariffa oraria di 1 euro) anziché i 24 previsti dal regolamento della polizia municipale. Trascorsi dieci giorni, l’ importo sale a 40 euro, perché ai 24 iniziali se ne aggiungono 16 per le spese di notifica. «Quando fu introdotto – spiega l’ assessore alla Mobilità, Luca Pasqualini -, nel 2007, tre dirigenti, quello della polizia municipale, quello al traffico e dell’ Avvocatura, espressero parere negativo perché lo ritenevano contrario alla normativa e al Codice della strada. Successivamente ci sono stati diversi pronunciamenti della Corte di Cassazione, ma la materia è ancora controversa. Prima di prendere qualsiasi decisione, quindi, vogliamo essere certi di muoverci nell’ ambito della legge». «L’ avviso bonario – ribatte Luisa Carpentieri, responsabile del Codacons -, è perfettamente conforme alla legge e al Codice della strada, ha creato un clima sereno e virtuoso tra ausiliario e automobilista, riducendo i casi di contestazione a pochi facinorosi, ha fatto risparmiare ai cittadini di Lecce migliaia e migliaia di euro per il sol fatto di aver fatto un ritardo di pochi minuti rispetto al tempo preventivato, non ha danneggiato le casse del Comune di Lecce e, soprattutto ha garantito un effettivo turn-over sugli stalli di parcheggio. In una parola, è uno strumento che funziona e funziona molto bene. Non si comprende, quindi, perché, con tanta pervicacia e ostinazione, il neo assessore al Traffico abbia voluto assumere una posizione che pare contrastare con il buon senso. Ed è al buon senso dei consiglieri comunali che ci si appella per evitare che si mettano le mani nelle tasche dei cittadini». F. M. RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox