1 Ottobre 2010

Autovelox in via Mulini, i dubbi del Codacons

LA POLIZIA municipale di Carpi sta effettuando molti controlli con apparecchi velox sulle strade più critiche, come via Mulini. Abbiamo fotografato la pattuglia che aveva il velox posizionato la sera del 21 settembre scorso: il misuratore di velocità era in direzione Modena, dopo l’ incrocio con via Vasco de Gama, (dove il limite di velocità è di 50 chilometri orari) e si vede il cartello bianco mobile ‘ controllo elettronico della velocità’ attaccato alla motocicletta della polizia. Quella sera, secondo i dati forniti dalla municipale, sono state scattate circa una ventina di fotografie: secondo il Codacons però quel velox non sarebbe stato segnalato in modo corretto perché, sottolinea Fabio Galli responsabile per la provincia di Modena, «il cartello in realtà sembra posizionato per nascondere lo strumento di rilevazione». «Il nostro cartello non nascondeva nè il velox nè la moto ed è stato posizionato correttamente» replica la comandante della polizia municipale dell’ Unione Terre d’ Argine Susi Tinti. Facciamo una premessa. Su via Mulini ci sono anche due cartelli fissi che indicano il controllo elettronico della velocità (non esiste una colonnina permanente): «la segnaletica fissa può essere utilizzata anche per le postazioni mobili, ci deve essere una distanza minima di 150 metri. Il cartello fisso era a 165 metri dal nostro velox». La segnaletica fissa, prosegue, «si può utilizzare in questi casi perchè il nostro controllo su via Mulini non è occasionale, nell’ ultimo mese siamo andati ben sette volte». Quindi «il cartello mobile poteva anche non essere messo». Per il Codacons è proprio questo aspetto che rende «sospetta la rilevazione». «Chi vede il cartello sa che dopo un centinaio di metri c’ è lo strumento – dice Galli – invece in questo caso la segnalazione mobile non preannuncia il velox. Perchè quindi l’ hanno messa? Forse per nascondere lo strumento stesso e la moto». Secondo Tinti invece non è stata commessa alcuna irregolarità. Sottolinea inoltre che «l’ autovelox è uno strumento per fare sicurezza. Dal primo gennaio 2009 ad oggi la municipale ha rilevato su quella strada 29 incidenti di cui 17 con feriti e uno mortale. In tutta l’ Unione dall’ inizio dell’ anno sono state notificate circa 300 violazioni per eccesso di velocità di cui 75 su via Mulini».
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox