1 Settembre 2010

AUTOSTRADE: CODACONS, 8 MLN DI RIMBORSI DOVUTI PER STOP AUMENTI

(AGI) – Roma, 1 set – Gli automobilisti che hanno pagato gli aumenti dei pedaggi autostradali bocciati dal Tar ed oggi dal Consiglio di Stato hanno diritto a dei rimborsi per circa otto milioni di euro: queste le stime del Codacons. Interpellato dall’Agi, il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, nel minacciare una ‘class action’, spiega come l’Anas potrebbe indennizzare coloro che – dal primo luglio alla mezzanotte del cinque agosto – hanno pagato gli aumenti tariffari incassati dalle concessionarie autostradali e integralmente girati nelle casse dell’Anas. E’ da tener presente che, grazie ai sistemi di pagamento elettronici (telepass, carte prepagate e carte di credito) circa l’80% degli automobilisti puo’ essere facilmente identificato (a quanto meno la loro auto) e rimborsato. Per altri che hanno pagato in contanti – spiega Rienzi – "e’ necessario che abbiano conservato lo scontrino di pagamento rilasciato al casello. Per costoro – suggerisce il presidente del Codacons – l’Anas potrebbe istituire – anche via Internet – delle procedure automatiche di rimborso. Un’altra strada potrebbe essere di inviare la richiesta di rimborso con allegata fotocopia del pagamento". "Se cio’ non avverra’ – avverte Rienzi – siamo pronti ad intentare una class action in favore degli automobilisti che gia’ da oggi possono fornire la propria pre-adesione all’iniziativa compilando il modulo pubblicato sul blog www.carlorienzi.it ". Riguardo poi a quegli automobilisti che hanno pagato in contanti ma non hanno la prova del pagamento, secondo Rienzi, "i rimborsi dovuti dall’Anas potrebbero essere devoluti a iniziative in favore della sicurezza stradale". (AGI) Lda

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox