25 Luglio 2002

Aumento di stipendio per i consiglieri regionali

IN LOMBARDIA

Aumento di stipendio per i consiglieri regionali




MILANO. Il Consiglio regionale ha calcolato e spiegato l`aumento dello «stipendio» deciso dall`aula del Pirellone a scrutinio segreto. Secondo i primi conteggi, l´aumento sarebbe di 570 euro netti al mese. «La remunerazione più pesante è stata legata alla popolazione della Regione Lombardia: come i sindaci delle città maggiori guadagnano di più dei loro colleghi dei piccoli centri – spiegano in Consiglio – così i consiglieri delle Regioni maggiori avrebbero più responsabilità e lavoro». L´aumento riguarda solo la parte dell`indennità percepita dai consiglieri regionali lombardi, passata – per il «consigliere semplice», cioè senza incarichi particolari come presidente di commissione o componente dell`ufficio di Presidenza – dal 65% all`81% di quella del parlamentare. In termini economici netti, significa dagli attuali 2.778 euro mensili a 3.200-3.300 euro. La diaria – che si somma a questa cifra – rimane ferma a circa 2.600 euro. Il Codacons ha presentato alla Corte dei Conti un esposto per chiedere l`annullamento degli aumenti di stipendio decisi dalla Regione Lombardia, oltre che quelli che potrebbero decidere i parlamentari. Aumenti che – per l´associazione dei consumatori – potrebbero essere stabiliti anche dai consiglieri comunali di Milano. I Cobas hanno deciso di organizzare una manifestazione di protesta davanti al Pirellone. «I consiglieri regionali – dicono i rappresentanti del Codacons – si sono aumentati le indennità del 24%, un ritocco di 1.704 euro al mese e naturalmente lo hanno fatto con voto segreto così da non assumersi, di fronte ai propri elettori, la responsabilità della scelta»

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this