16 Settembre 2010

Aule super affollate, Castagnetti: attendo un esame caso per caso

All’ indomani della prima campanella scolastica, scattata a Piacenza due giorni fa come in tutte le scuole della regione, l’ emergenza più segnalata dai critici dell’ attuale orizzonte scolastico è rappresentata dalle aule sovraffollate. Soprattutto alle superiori, anche in città, le classi da 30-31 studenti sarebbero da quest’ anno una realtà ricorrente, con ovvie ricadute sul tema della sicurezza e della 626 (su tale criticità è intervenuto nei giorni scorsi anche il Codacons, segnalando per Piacenza 9 sedi scolastiche a rischio di sovraffollamento, con conseguente minaccia di diffida ai responsabili). Sul punto l’ assessore al Futuro del Comune di Piacenza Giovanni Castagnetti promette attenzione: «Voglio capire tramite verifiche nelle aule i numeri reali, dei bambini, degli insegnanti, degli alunni disabili». Senza farsi troppe illusioni: «Questa che è partita è una scuola in sofferenza: la Regione punta al sostegno dell’ istruzione con risorse ulteriori ma che sono soltanto una parte, col risultato che con le classi sempre più affollate abbiamo problemi alla manutenzione degli edifici, bimbi in lista d’ attesa alla materna, taglio del tempo pieno anche se è il modello orario più richiesto dalle famiglie, e scuole con vagonate di crediti col ministero che non vedono restituiti. I genitori ci mettono una pezza, ma l’ intero sistema è in bilico».
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox