26 Febbraio 2017

Atlantia: con interventi su sicurezza -80% mortalità, salvate 300 vite l’ anno/Adnkronos

Atlantia: con interventi su sicurezza -80% mortalità, salvate 300 vite l’ anno/Adnkronos

Roma, 26 feb. (AdnKronos) – Almeno 300 vite salvate ogni anno sulla rete di Autostrade per l’ Italia con una riduzione del tasso di mortalità dell’ 80% tra il 1999 e il 2016. Numeri, questi, che hanno consentito all società di conseguire, già nel 2008, con due anni di anticipo l’ obiettivo fissato dall’ Unione Europea di riduzione del 50% della mortalità entro il 2010. Il tutto grazie a un mix di interventi messi in campo sul fronte della sicurezza stradale a cominciare dallo sviluppo e installazione del Tutor, il sistema per il rilevamento della velocità media, su oltre 2.500 chilometri di autostrada, e dall’ intera copertura della rete con asfalto drenante. Sono questi i risultati contenuti nel bilancio di 10 anni di attività della Consulta per la Sicurezza e la Qualità del Servizio, nata nel 2005 per iniziativa di Autostrade per l’ Italia in collaborazione con 4 associazioni dei consumatori Codacons, Adusbef, Federconsumatori e Adoc. Un organismo che poi ha aperto le porta ad altri attori come la Polizia Stradale, Adiconsum, Asaps, Isoradio, Quattroruote, il Comitato Centrale per l’ Albo nazionale Autotrasportatori e i sindacati dei trasporti. Chiara la sua ‘mission’: individuare, concordare e verificare iniziative finalizzazione al miglioramento della sicurezza e della qualità del servizio autostradale. Sulla rete di Aspi la riduzione del tasso di mortalità è stata superiore sia alla riduzione sulle altre concessionarie autostradali italiane e sulla rete di viabilità ordinaria del nostro Paese sia sulla rete autostradale francese che, per caratteristiche infrastrutturali, può essere paragonata a quella italiana.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox